Pinot Noir d’Alsazia a Roma con la FISAR‏ #DrinkAlsace

Pinot Noir d’Alsazia a Roma con la FISAR
Lo Sheraton di Roma ospita una verticale di Pinot Noir alsaziani

Milano, 2 ottobre 2014 – Si rinnova l’appuntamento con i grandi Vini d’Alsazia e la delegazione FISAR Roma e Castelli Romani (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori): mercoledì 15 ottobre 2014 alle ore 20.00 presso lo Sheraton Hotel – Viale del Pattinaggio 100 a Roma si terrà una verticale di Pinot Noir alsaziani.
L’incontro avrà l’obiettivo di approfondire la conoscenza dell’unico vitigno rosso autorizzato in Alsazia, vinificato in rosé o in rosso.
Il Pinot Noir alsaziano ha tre sfaccettature: in primo luogo è particolarmente popolare in Alsazia quando si presenta fresco, leggero, con aromi di ciliegia, lampone e mora e con i tannini sfumati. Rappresenta in questo caso un vino non complesso, perfettamente adatto al quotidiano e alle feste di paese. Secondariamente può essere un vino “di terroir” che si rivela molto più complesso e che si apre dopo parrecchi anni. Rinomatissimo nel Medioevo, non è sovraestratto e ha come caratteristica principale quella di conservare giovinezza nei decenni grazie ad una forte acidicità. Infine, troviamo il Pinot Noir d’Alsace “à la bourguignonne”, dagli aromi di bosco, prodotto da viticoltori che hanno studiato in Borgogna e che desiderano raggiungere il livello di concentrazione e di potenza dei grandi Pinot Noir di Borgogna.
Per questa occasione il CIVA, Conseil Interprofessionnel des Vins d’Alsace, ha selezionato ben 21 produttori rappresentati da altrettanti vini che sapranno solleticare l’interesse del pubblico presente, composto da professionisti del settore della zona di Roma e dintorni: un’occasione unica di scoprire tutte le specificità aromatiche di questo vitigno.
I professionisti saranno guidati nella degustazione da un esperto e delegato FISAR che avrà il compito di illustrare le caratteristiche dei Pinot Noir alsaziani presentati, aiutato anche da una guida di degustazione creata specificatamente per la serata, riportante tutti i dettagli dei vini e dei produttori della regione.
Ancora una volta i Vini d’Alsazia si avvicinano al mercato italiano portando alla luce una terra votata alla coltivazione di vini di prestigio. AOC Alsace, Alsace Grands Crus, Crémants d’Alsace: vini freschi, fruttati e aromatici, che rappresentano tutta l’espressione del territorio alsaziano.
Questo progetto è organizzato dal CIVA – Conseil Interprofessionnel des Vins d’Alsace, che raggruppa e rappresenta i prodottori e le maison della regione che insieme si adoperano alla diffusione dei vini alsaziani nel mondo.

www.ViniAlsazia.it

Uncategorized

“SI NASCE NON SOLTANTO PER MORIRE MA PER CAMMINARE A LUNGO…

Ph by Marisa Daffara “SI NASCE NON SOLTANTO PER MORIRE MA PER CAMMINARE A LUNGO, CON PIEDI CHE NON CONOSCONO DIMORE E VANNO OLTRE OGNI MONTAGNA” Alda Merini In ricordo del pittore Giampiero Nebbia Tratto da https://www.facebook.com/marisa.daffara Ricorre a dicembre il decennale della morte del pittore piemontese Giampiero Nebbia. Ieri, 25 settembre 2016, ha avuto […]

Read More
Uncategorized

IL CLUB TENCO AL SUD: UNA DUE GIORNI CON ‘IL TENCO ASCOLTA’ A COSENZA 1 E 2 OTTOBRE 2016 #Clubtenco

Arriva al Sud “Il Tenco ascolta”, per una “due giorni” che sarà dedicata espressamente ad artisti meridionali, l’1 e 2 ottobre, a Cosenza. L’evento, che è organizzato in collaborazione con il Comune di Cosenza, l’Università della Calabria e la Fondazione Lilli Funaro, si svolgerà al Castello Svevo. “Il Tenco ascolta” è il format del Club […]

Read More
Uncategorized

Mete d’autunno – Al Museo Agricolo e del Vino Ricci Curbastro per scoprire il volto agricolo della Franciacorta‏ @Franciacorta #riccicurbastro

1 Museo del Vino Ricci Curbastro_Sala Enologia La storia agricola della Franciacorta racchiusa in un Museo, tutto da visitare e tutto da vivere. Un motivo in più per godersi la Franciacorta in autunno, stagione perfetta per l’enoturismo. Fondato nel 1986 da Gualberto Ricci Curbastro, accanto alla sede della sua cantina di Capriolo, ilMuseo Agricolo e del […]

Read More