LIVE ARTS WEEK / Gianni Peng III – Bologna 8>13 aprile 2014 @liveartsweek

Xing presenta
Live Arts Week
Gianni Peng III
Bologna 8>13 aprile 2014
MAMbo / Biblioteca Salaborsa / Cinema Lumière
________________
Da martedi 8 a domenica 13 aprile Xing presenta la terza edizione di Live Arts Week con sede principale negli spazi di MAMbo –
Museo d’Arte Moderna di Bologna, e iniziative collaterali alla Biblioteca Salaborsa e al Cinema Lumière.
Evento unico in Italia dedicato alle live arts, presenta un insieme eterogeneo di performance che ruotano intorno alla presenza e
all’esperienza percettiva di corpi, movimenti, suoni e visioni, con un programma-palinsesto di opere dal vivo (ambienti,
performance, concerti, live media, film e expanded cinema, con date uniche, produzioni e anteprime) presentate da personalità di
spicco della ricerca contemporanea internazionale.
La scelta di lanciare una ‘settimana’ intende rompere con la concezione di un festival visto come punta consumistica della vita
culturale di una città. Si tratta piuttosto di una coabitazione di forme diversificate – per dimensione ed intensità – concentrate in
un tempo limitato che propongano la visione dell’arte come un fatto complesso ma coeso.
Gianni Peng, nome che accompagna il festival nella sua crescita biologica, sta ad indicare il momento di queste transizioni. E’ un
fenomeno, non una persona: un nuovo soggetto identitario, improbabile ma reale, da trattare come un concetto astratto.
______________
Live Arts Week III: Mette Edvardsen (N/B) / Ken Jacobs (USA) / Aki Onda (USA/JP) / Daniel Löwenbrück (Raionbashi) (D) /
Doreen Kutzke (D) / Barokthegreat (I) / Èlg (F) / Maria Hassabi (USA/Cipro) / Ben Vida (USA) / MSHR (USA) / Enrico Boccioletti
(I) / Marco Berrettini (CH) / Rashad Becker (Syria/D) / Porter Ricks (Thomas Köner/Andy Mellwig) (D) / Neil Beloufa (F) / Dora
Garcia (E) / Gaëlle Boucand (F) / Ben Rivers/Ben Russell (GB/USA) / Canedicoda (I).
________________
programma:
>Martedi 8 aprile alle h 21 Live Arts Week III inaugura a MAMbo con Nervous Magic Lantern, storico happening di expanded
cinema presentato ora, per la prima volta in Italia, dal pioniere del cinema sperimentale Ken Jacobs con l’intervento sonoro dal
vivo di uno dei protagonisti dalla musica d’avanguardia newyorkese, Aki Onda. Nervous Magic Lantern è il dispiegamento davanti
ai nostri occhi di un film inusitato, privo di attori, senza una trama e paradossalmente senza un supporto materiale (nè pellicola
nè video). Utilizzando tecniche pre-cinematografiche, Ken Jacobs crea un’esperienza visiva tridimensionale e allucinatoria, nella
quale prendono vita fenomeni impossibili e luoghi inesistenti, nell’impalpabile dimensione creata dai raggi di proiezione.
>> La stessa sera prendono il via le due installazioni prodotte da Xing, ospitate lungo l’intera settimana, sempre negli spazi di
MAMbo:
>> Waiting Room, dell’artista e compositore tedesco Daniel Löwenbrück, è un ambiente, una stanza nera all’interno di una
stanza bianca: una scatola esistenziale per due persone poste faccia a faccia. Rumori distinti, silenzio introspettivo, suoni del
corpo, debolezza e imbarazzo. Le performance di Daniel Löwenbrück (che si esibirà anche in una azione venerdi 11 aprile)
possiedono una natura insieme poetica, ritualistica e terapeutica, sfiorando spesso l’assurdo e mescolando diverse tattiche delle
avanguardie europee.
>>Processo al Mochi/The size of a green pea, opera di Canedicoda, artista visivo e sonoro, designer e grafico, è un ‘videogiardino’
che ospita un campionario di efflorescenze – delicate o mostruose – da lui collezionate nel corso degli anni da YouTube.
Presentando per la prima volta una selezione di preferiti dal suo vasto archivio, Canedicoda apre a MAMbo un suo surfing club
offline e temporaneo per sei giorni. Organizzandolo per gruppi tematici, ci offre uno sguardo individuale e collettivo, mirato e
contemporaneamente multiplo.
>>Parte in parallelo durante il giorno, da martedi 8 a sabato 12 aprile (dalle h 12.00 alle h 19.00, ogni 30 minuti, con
prenotazione obbligatoria), Time has fallen asleep in the afternoon sunshine, progetto speciale per la Biblioteca Salaborsa
condotto dalla performer norvegese Mette Edvardsen, la cui versione italiana è stata prodotta da Live Arts Week. Un gruppo di
persone che ha imparato a memoria un testo a sua scelta, forma un catalogo di libri viventi ‘consultabili’ nella biblioteca. I libri
sono a disposizione e possono essere richiesti al desk e portati in un angolo tranquillo della biblioteca per essere ascoltati. Mette
Edvardsen esplora in questo modo lo spazio sensibile tra performance e linguaggio, corpo e memoria, apprendimento e
cancellazione. L’intero progetto si ispira a Fahrenheit 451 e rappresenta un’esperienza straordinaria proprio per la sua semplicità.
Con naturalezza disarmante e senza l’intermediazione dell’oggetto fisico, i libri viventi ci ricordano che imparare un testo a
memoria è un atto d’amore che mobilita la memoria e l’oblio.
> Mercoledi 9 aprile alle h 21 a MAMbo prende il via la prima delle serate a flusso, che proseguiranno sino a domenica. Si inizia
con la performance Victory Smoke, la nuova creazione di Barokthegreat, formazione italiana che lavora sulla radice mentale del
movimento, la fisicità e la funzione rituale della musica (prima italiana, produzione Live Arts Week). Motore di questo nuovo lavoro
è l’individuazione della soglia che sta prima e dopo il compimento di un’azione, lasciando nel campo della visione il fumo della
vittoria. L’azione drammatica che fonda questo spettacolo è l’idea di caccia. Cacciatori di frodo o di taglie? Cacciatori d’oro, di
elefanti o di fagiani? Tutti e nessuno. Qui si tratta di circumnavigare l’immagine della cattura senza la preda.
>> Segue Cassette Spectacle #1, nomadic tape concert di Aki Onda, riproposto in altri due set il 10 e 12 aprile. Per un quarto di
secolo Aki Onda, figura eclettica di fotografo, musicista elettronico, compositore, produttore e scrittore, ha sedimentato un
2
imponente diario sonoro usando come mezzo di registrazione un Walkman a cassette. Questa mole di materiale su nastro fornisce
la base per le sue tape-performance, dove i Walkman stessi vengono utilizzati come lettori. Ad Aki Onda piace praticare questo
strano rituale in spazi precisi – edifici storici, angoli di strada, fabbriche abbandonate, o, come nel caso di MAMbo a Bologna, una
vecchia fabbrica di pane trasformata in museo. Confrontandosi con l’acustica, l’architettura e la psiche di uno spazio ha luogo una
risonanza. Le memorie vive risvegliano quelle addormentate.
>> Chiude la serata a a MAMbo la sound performance Venti storie su una pagina sola del musicista francese Èlg, una
composizione originale che esplora l’universo geek utilizzando il laptop accompagnato da un uso multi-linguistico della propria
voce, con in aggiunta un tocco di strumentazione acustica. Ancora una volta Èlg si distingue per il personale approccio alla
materia sonora, muovendosi tra ritmi di memoria EBM, sound poetry e canzoni trasognate.
> Giovedi 10 aprile alle h 19 si avvia la programmazione di film d’artista al Cinema Lumière, con The Joycean Society, opera
dell’artista spagnola Dora Garcia dedicata a un gruppo di lettura di Finnegans Wake di James Joyce: il ‘libro più difficile del
mondo’. Un gruppo di persone ha letto questo libro per trent’anni. Lo hanno letto e riletto, ed ogni volta questo viaggio dalla
prima all’ultima riga è durato undici anni. Il testo sembra inesauribile, le interpretazioni infinite, la sua natura mai conclusiva. Il
linguaggio è qui visto come creatore di società, come parola d’ordine delle società segrete, come traduttore o creatore del reale.
>> Il programma serale a MAMbo si apre dalle h 21con PREMIERE; il nuovo lavoro della coreografa Maria Hassabi. Presentato per
la prima volta a New York per Performa 13, coinvolge un quintetto di singolari interpreti, costituito da Hristoula Harakas, Biba Bell,
Andros Zins-Browne, Robert Steijn e la stessa Hassabi. Il titolo PREMIERE, quale indicatore di aspettativa e di rivelazione, amplifica
le condizioni di ricezione del lavoro. Come apprezzare una ‘prima’ senza aspettative? Trattandosi di un evento annunciato con
largo anticipo, rappresenta il primo incontro con il pubblico, dove lo spettatore guarda e valuta, è osservatore e critico. PREMIERE
esplora il fascino trasformativo di questo momento iper-enfatizzato che convalida l’esistenza di qualunque creazione come opera
d’arte.
>> Segue Cassette Spectacle #2 nomadic tape concert di Aki Onda, e la sound performance Damaged Particulates di Ben Vida,
artista e compositore di Brooklyn che presenta una nuova composizione ispirata al concetto di ‘Particulate Systems Construction’.
Riferendosi al comportamento caotico dei fenomeni atmosferici, Ben Vida dispiega uno scenario comportamentale dove le singole
voci -i suoni- formano e dissolvono geometrie instabili, in un gioco di delicato equilibrio, comparendo o riassorbendosi a formare
nuove identità collettive.
> Venerdi 11 aprile alle h 19 al Cinema Lumière viene presentato il film JJA dell’artista francese Gaëlle Boucand, ritratto,
enigmatico e paradossale di un uomo d’affari, tra potere e denaro, fuggito e auto-recluso in Svizzera. JJA, queste le sue iniziali, è
un uomo di 85 anni; ritirato nella sua lussuosa proprietà, racconta la storia del suo successo economico e le ragioni del suo esilio.
Procedendo per inquadrature fisse, dall’insoluto soliloquio ad alta voce emergono ossessioni numerologiche e il rapporto col
denaro, incastonati tra opere d’arte e mobilia, nella diffrazione caleidoscopica di un corpo e una voce quasi disgiunti. JJA mostra
un’altra forma di potere – quella verbale – di un uomo che si rassicura col proprio discorso.
>> Il programma serale di MAMbo si apre alle h 21 con No Title, nuova performance in prima italiana di Mette Edvardsen. No
Title segna il passaggio da ‘ciò che abbiamo davanti’ a ‘ciò che non c’è’, intesi entrambi come condizioni di attivazione e
produzione di pensiero e immaginazione. Mette Edvardsen prosegue la sua ricerca giocando con le possibilità e i limiti del
linguaggio, e con l’attualizzazione nello spazio e nel tempo. Con No Title realizza il divario tra un mondo e le nostre idee su di
esso, l’invincibile divario tra pensiero ed esperienza, tra qui e lì.
>> Dopo il lungo tempo recluso nella vicina Waiting Room, l’avanguardista tedesco Daniel Löwenbrück esce nello spazio centrale
di MAMbo per eseguire l’Aktion 140411, assieme a Doreen Kutzke, attrice, performer, compositrice e cantante. Noise e Yodel
estremo si incontrano in questo esercizio di azionismo sonoro e strategie della trasgressione.
>> Segue Time Blade~Liquid Hand, di MSHR, duo multimediale di Portland. Un’installazione/scultura/performance dove il corpo
dello spettatore si trova al centro di una relazione dinamica, immerso in un’esperienza iper-energetica di suono e luce. Time
Blade~Liquid Hand nasce da improbabili sintetizzatori, supporti elettronici primitivi auto-prodotti e strane interfacce-scultura
decorate da segni indecifrabili e glifi. Questa piattaforma può ricordare la plancia di comando di un’astronave aliena, nella
versione mitologica che ipotizza un’origine extra-terrestre delle antiche civiltà amerinde. I due performer attivano i sistemi di
interazione con i movimenti del corpo e guanti fotosensibili, dando vita a un scintillante caleidoscopio di suono, rumore e
baluginii luminosi.
>> Chiude la serata il live-media di Enrico Boccioletti, artista e musicista internet-aware, #AERIAL: The Floating Body in a
Distraction Economy. E’ una diffusione sonora e speed-lecture per voce umana, due sintetizzatori, laptop e video multicanale.
Boccioletti produce tenendo presente che, nell’atto di far qualcosa, tutte le altre opzioni muoiono, non nate; resta il riverbero
eterno di ciò che si sarebbe potuto fare, di tutto ciò che si è scelto di non fare. Nel suo lavoro la coesistenza di possibilità multiple
si disperde per emanazioni: come un insieme di ‘gesti’ non sistematici, in cui lo sforzo centrale è il tentativo di infondere un
residuo di non-sense all’interno di rigide strutture formali.
> Sabato 12 aprile alle h 18 al Cinema Lumière viene presentato A Spell Toward of the Darkness, film nato dalla collaborazione
tra gli artisti e filmaker Ben Rivers e Ben Russell. Un uomo (Robert AA Lowe, musicista noto con il nome di LICHENS) si muove al
centro di tre diverse situazioni, ognuna delle quali ritrae un paesaggio e un contesto sociale diversi: 15 persone appartenenti ad
una comune su un’isola Estone, un casa isolata nella Finlandia del nord, ed un club di Oslo, in cui è in corso un concerto Black
Metal. Per Ben Rivers i tre scenari “esplorano dei modi possibili di essere nel mondo, nel senso positivo del termine, per certi versi
sono delle utopie temporanee”. Comunalità e solitudine sono negoziati davanti alla cinepresa mediante la relazioni tra i corpi e i
paesaggi. A Spell Toward of the Darkness non è fiction ma neanche un documentario: è un documento ibrido su un
passato/presente/futuro che solleva la questione su come potremmo vivere e perché fare determinate scelte.
>> Dalle h 21 a MAMbo l’ultimo nomadic tape concert della serie Cassette Spectacle #3 realizzata da Aki Onda, precede iFeel2,
performance del coreografo svizzero di adozione Marco Berrettini. In iFeel2 due performer si muovono in un pas de deux molto
speciale, un sonnambulismo interiore. Sorta di warm-up esistenziale, o piuttosto disputa fIlosofica in forma di battaglia danzata,
infinita e priva di alcun drammatico finale, iFeel2 mostra le mutazioni, le evoluzioni e le metamorfosi dell’individuo nella società.
Marco Berrettini, in scena con Marie-Caroline Hominal, mostra una virtuosità danzereccia quasi acrobatica, dalla quale emergono
pensieri spirituali che flirtano con la psicanalisi, le religioni, la ricerca interiore, l’ombra jungiana.
>> Chiude il programma di sabato il live di Porter Ricks, progetto storico nato dalla collaborazione tra il compositore e sound
artist tedesco Thomas Köner e l’ingegnere del suono e techno producer Andy Mellwig nel 1996. Dopo anni di assenza, Porter
Ricks ritorna sul palco con un Live-show che si estende dalle origini sino al nuovo album in uscita per la Raster-Noton nel 2014.
Porter Ricks è uno snodo magico che raccorda insiemi mitologici della cultura elettronica ’90 nei suoi anni autenticamente auratici
e rivoluzionari. Intrigante oggi come nel passato, il duo rischia di rivelarsi assolutamente attuale, coi suoi paesaggi sonori rimasti
insuperati.
>> Oggi è anche l’ultimo giorno per incontrare alla Biblioteca Salaborsa i libri viventi del progetto speciale Time has fallen asleep
in the afternoon sunshine di Mette Edvardsen (dalle h 12.00 alle h 19.00, incontri individuali ogni 30 minuti, con prenotazione
obbligatoria).
3
> Domenica 13 aprile, l’ultimo giorno di Live Arts Week si sviluppa a MAMbo dalle h 16 con una Film Marathon della durata di
oltre 4 ore che propone in una diversa dimensione fruitiva nel museo i film presentati nella sala del Cinema Lumiere (di Dora
Garcia, Gaëlle Boucand, Ben Rivers e Ben Russell) preceduti, come un prologo, del cortometraggio Kempinski dell’artista e
scultore Neil Beloufa. Come un gruppo di apostoli, alcuni attori non professionisti se ne stanno sotto le luci al neon nella notte di
una periferia di Bamako, ed espongono le proprie idee su come sarà il futuro. Si parla di telepatia e velocità della luce, in un clima
sospeso tra fantascienza e documentario. Nessuno dei personaggi coinvolti da Beloufa crede più all’assunto postmoderno che
“tutto è possibile”. Eppure, la loro idea di futuro si trova ancora sotto l’influenza di questo assunto.
>> Il pomeriggio, sarà intervallato da soste di ristoro e dall’attivazione delle installazioni di Canedicoda e Daniel Löwenbrück, e
si concluderà con la sound performance di Rashad Becker rashad becker plays traditional music of notional space, ovvero
l’applicazione esecutiva dell’acclamato album Traditional Music of Notional Space, uscito come suo esordio nel 2013 per la PAN
records. Rashad Becker, musicista di origine siriana basato a Berlino, è oggi tra i più stimati sound artists del circuito
internazionale di musica astratta e sperimentale. Come sound engineer ha lavorato ad oltre 1200 registrazioni di musica
elettronica, dance e sperimentale, costruendosi un’ottima reputazione sulla cura del suono. L’estrema precisione con cui produce
sequenze dai toni discreti e frizzanti uniti a un tocco di improvvisazione può ricordare vagamente i primi lavori sperimentali della
Mego, tra Pita e Florian Hecker. Ma Traditional Music si muove come una lenta e imponente marea vocale, dove la musica sembra
accogliere dolcemente le scorie e i frammenti variegatissimi di un’intera civiltà appena riemersa dalle acque dopo lo tsunami.
________________________
Live Arts Week pubblica un quaderno con interventi di artisti, critici, osservatori e teorici: non è una guida accompagnatoria né un
catalogo strettamente inteso. Segue piuttosto i percorsi possibili disseminati negli spazi reali della settimana delle arti dal vivo.
Sono materiali eterogenei, frutto di un lavoro di assemblaggio, produzione e prelievo dal flusso complessivo del mondo culturale
dell’inizio del XXI secolo.
L’immagine coordinata di Live Arts Week III è a cura di Invernomuto; il set disegn degli spazi di MAMbo con sculture funzionali di
legno riciclato e tessuti è a cura di Canedicoda e Mirko Rizzi.
_________________
Sabato 12 aprile dalle h 17 alle h 20, in occasione di Live Arts Week a MAMbo, sarà attivo il programma di Manifattura delle Arti
Open Day, evento condiviso da P420, CAR_drde, Localedue, (galleria +) oltredimore, personal foodonsale, in collaborazione con
l’associazione MDA.
______________________
Live Arts Week è ideato e realizzato da Xing, network nazionale che progetta, organizza e sostiene eventi, produzioni e
pubblicazioni contraddistinti da uno sguardo interdisciplinare intorno ai temi della cultura contemporanea, con una particolare
attenzione alle tendenze generazionali legate ai nuovi linguaggi.
Partners: Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Istituzione
Bologna Musei / MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, Istituzione Biblioteche Bologna / Biblioteca Salaborsa, Fondazione
Cineteca di Bologna, Goethe-Institut Mailand, Nuovi Mecenati, noveaux mécènes – Fondazione franco-italiana di sostegno alla
creazione contemporanea, Pro Helvetia, Reale Ambasciata di Norvegia, Marsèll. Media partners: The Wire, Mousse, Nero, Blow Up,
Alias, Il Manifesto, Edizioni Zero, Radio Città del Capo, UnDo.Net. Live Arts Week fa parte di Bologna Contemporanea.
_____________
MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna – Via Don Minzoni 14
Cinema Lumière – Via Azzo Gardino 65
Biblioteca Salaborsa – Piazza del Nettuno 3
sede organizzativa:
Xing – Via Ca’ Selvatica 4/d Bologna
info e prenotazioni*: tel 051.331099
durante il festival prenotazioni per Time has fallen asleep in the afternoon sunshine: mob 331.3546364
info@xing.it
www.liveartsweek.it
www.xing.it
facebook.com/xing.it
twitter.com/liveartsweek
info point e biglietteria:
MAMbo – apertura 30 minuti prima
biglietti:
MAMbo: 10 euro
Cinema Lumière: 6 euro
Biblioteca Salaborsa: gratuito *prenotazione obbligatoria
abbonamento intero: 40 euro
abbonamento ridotto studenti: 20 eur

______________
4
programma:
Martedì 8 aprile
Biblioteca Salaborsa
h 12.00 > 19.00 *
Mette Edvardsen (N/B)
Time has fallen asleep in the afternoon sunshine – a library of living books
performance, prima italiana
( *incontri ogni 30 minuti. prenotazione obbligatoria)
————————————————————————–
MAMbo
h 21.00 >
Canedicoda (I)
Processo al Mochi/The size of a green pea
Ursula
installazione, prima assoluta
—————————–
h 21.30
Ken Jacobs/Aki Onda (USA/JP)
Nervous Magic Lantern
expanded cinema, prima italiana
————————————-
Mercoledì 9 aprile
Biblioteca Salaborsa
h 12.00 > 19.00 *
Mette Edvardsen (N/B)
Time has fallen asleep in the afternoon sunshine – a library of living books
performance, prima italiana
————————————————————————–
MAMbo
h 21.00 >
Canedicoda (I)
Processo al Mochi/The size of a green pea
Andrew
installazione, prima assoluta
—————————–
h 21.00 >
Daniel Löwenbrück (D)
Waiting Room
installazione, prima assoluta
—————————-
h 22.00
Barokthegreat (I)
Victory Smoke
performance, prima assoluta
—————————–
h 23.00
Aki Onda (USA/JP)
Cassette Spectacle #1
nomadic tape concert, prima assoluta
—————————–
h 23.30
Èlg (F)
Venti storie su una pagina sola
live concert
—————————-
Giovedì 10 aprile
Biblioteca Salanorsa
h 12.00 > 19.00 *
Mette Edvardsen (N/B)
Time has fallen asleep in the afternoon sunshine – a library of living books
performance, prima italiana
————————————————————————–
Cinema Lumière
h 19.00
Dora Garcia (E)
The Joycean Society
film
5
————————————————————————–
MAMbo
h 21.00 >
Canedicoda (I)
Processo al Mochi/The size of a green pea
Swimming at Isola delle Rose
installazione, prima assoluta
—————————–
h 21.00 >
Daniel Löwenbrück (D)
Waiting Room
installazione, prima assoluta
—————————-
h 21.30
Maria Hassabi (USA/Cipro)
PREMIERE
performance, prima italiana
—————————-
h 23.30
Aki Onda (USA/JP)
Cassette Spectacle #2
nomadic tape concert, prima assoluta
—————————–
h 24.00
Ben Vida (USA)
Damaged Particulates
live concert, prima italiana
————————————————
Venerdì 11 aprile
Biblioteca Salaborsa
h 12.00 > 19.00 *
Mette Edvardsen (N/B)
Time has fallen asleep in the afternoon sunshine – a library of living books
performance, prima italiana
————————————————————————-
Cinema Lumière
h 19.00
Gaëlle Boucand (F)
JJA
film
————————————————————————–
MAMbo
h 21.00 >
Canedicoda (I)
Processo al Mochi/The size of a green pea
Aggressive Quadrotor on a Blue Barrel
installazione, prima assoluta
—————————–
h 21.00 >
Daniel Löwenbrück (D)
Waiting Room
installazione, prima assoluta
—————————-
h 21.30
Mette Edvardsen (N/B)
No Title
performance, prima italiana
—————————-
h 22.30
Daniel Löwenbrück/Doreen Kutzke (D)
Aktion 140411
sound performance
—————————-
h 23.00
MSHR (USA)
Time Blade~Liquid Hand
sound performance
—————————-
h 24.00
Enrico Boccioletti (I)
#AERIAL: The Floating Body in a Distraction Economy
live media, prima assoluta
——————
6
Sabato 12 aprile
Biblioteca Salaborsa
h 12.00 > 18.00 *
Mette Edvardsen (N/B)
Time has fallen asleep in the afternoon sunshine – a library of living books
performance, prima italiana
————————————————————————-
Cinema Lumière
h 18.00
Ben Rivers/Ben Russell (GB/USA)
A Spell to Ward of the Darkness
film, prima italiana
————————————————————————–
MAMbo
h 21.00 >
Canedicoda (I)
Processo al Mochi/The size of a green pea
Bunpiity Bump
installazione, prima assoluta
—————————-
h 21.00 >
Daniel Löwenbrück (D)
Waiting Room
installazione, prima assoluta
—————————-
h 21.30
Aki Onda (USA/JP)
Cassette Spectacle #3
nomadic tape concert, prima assoluta
—————————–
h 22.00
Marco Berrettini (CH)
iFeel2
performance, prima italiana
—————————-
h 24.00
Porter Ricks (Thomas Köner/Andy Mellwig) (D)
live
live concert, prima italiana
————-
Domenica 13 aprile
MAMbo
h 16.00 >
Film Marathon:
Neil Beloufa (F)
Kempinski
Dora Garcia (E)
The Joycean Society
Ben Rivers/Ben Russell (GB/USA)
A Spell to Ward of the Darkness
Gaëlle Boucand (F)
JJA
—————————–
h 16.00 >
Canedicoda (I)
Processo al Mochi/The size of a green pea
Joe 4
installazione, prima assoluta
—————————–
h 16.00 >
Daniel Löwenbrück (D)
Waiting Room
installazione, prima assoluta
—————————-
h 21.30
Rashad Becker (Syria/D)
rashad becker plays traditional music of notional species
ive concert
———————-

Uncategorized

WOYTEK Habemus Papam. Il gallo è morto – 1 – 16 ottobre 2016

In occasione del Giubileo della Misericordia, l’installazione dell’artista di origini polacche da anni attivo in Germania Woytek “Habemus Papam. Il gallo è morto”, ospitata nella suggestiva struttura di archeologia industriale dell’Ex Cartiera Latina dal 1° al 16 ottobre 2016, è costituita da una scultura in bronzo di cm. 250 raffigurante un Vescovo con in mano […]

Read More
Uncategorized

BILL FRISELL When You Wish Upon A Star – Cinema Teatro di Chiasso – Martedì 25 ottobre 2016, ore 21.00 – #Billfrisell

Martedì 25 ottobre 2016, ore 21.00 BILL FRISELL When You Wish Upon A Star chitarra Bill Frisell voce Petra Haden contrabbasso Thomas Morgan batteria Rudy Royston Dopo la sonorizzazione dei film muti di Buster Keaton e dopo il meraviglioso lavoro di elaborazione armonica in presa diretta a contatto con le immagini del documentario “The great […]

Read More
Uncategorized

Mauro Rostagno, il giornalista vestito di bianco #Maurorostagno

  Quando è stato ucciso, il 26 settembre 1988, aveva quarantasei anni e molte vite alle spalle. L’ultima, la più intensa, Mauro Rostagno la vive a Trapani. Lo racconta il documentario “Mauro Rostagno, il giornalista vestito di bianco” realizzato da Antonio Carbone per il ciclo “Diario Civile”, in onda mercoledì 28 settembre alle 22.10 su […]

Read More