Facebook
Twitter
Youtube
Instagram

LE TRADIZIONI A MARSIGLIA #ExploreFrance

Marsiglia, prima città urbanizzata di Francia, ha saputo conservare le sue tradizioni popolari

intrise di fervore religioso.

LA CANDELORA, UNA MISTERIOSA MADONNA NERA

Il 2 febbraio, prima dell’alba, la basilica di Saint Victor ospita la messa solenne celebrata

dall’Arcivescovo di Marsiglia per festeggiare la purificazione della Vergine e la presentazione

di Gesù al Tempio. Il racconto, tra storia e leggenda, ha posto le basi per un’usanza che si

ripete fin dal XVIII secolo.

Si tratta della processione di Notre-Dame de Confession chiamata più semplicemente « la

Madonna Nera » che dà inizio alle festività. Nel chiarore di questo mattino d’inverno, un

corteo di ceri verdi, accesi, si dirige verso S. Victor per onorare la cerimonia. Dopo la

messa, i marsigliesi si recano al Four des Navettes (Forno delle Navettes), una vera e propria

istituzione, per acquistare i famosi biscotti ai fiori d’arancio che rappresentano la barca

arenatasi con la Madonna Nera. Le navettes sfidano il tempo e si gustano per tutto l’anno.

IL PERIODO DI NATALE

La Fiera dei Santons

Nel 1803, tre venditrici di « santouns » di argilla si piazzano lungo Cours St-Louis… La Fiera

dei Santons è nata così… Quelle signore avrebbero mai immaginato che quell’iniziativa

sarebbe divenuta una tradizione che prosegue da generazioni intere di “santonniers” ? Ѐ un

appuntamento che annuncia le festività e contribuisce all’eccitazione dei preparativi di Natale.

Una tradizione che si ripete ogni anno per tutto il mese di dicembre.

Il Museo del santon (collezioni private) presenta questo artigianato tipicamente provenzale.

www.santonsmarcelcarbonel.com

Santa Barbara

Le radici di questa tradizione provenzale risalgono a molto tempo fa, quando Barbara, bella e

corteggiata, si consacra a Dio e rifiuta di sposarsi. La ragazza viene martirizzata, e mentre è

sul punto di morire, un fulmine colpisce e folgora i suoi torturatori…

Santa Barbara viene celebrata il 4 dicembre in tutta la Provenza e la popolazione semina il

grano in un piattino. Questo simbolo rappresenta le primizie della raccolta.

Le Pastorali

La prima venne creata nel 1844 da Antoine Maurel. Altre interpretazioni hanno arricchito il

repertorio, in cui il punto di riferimento rimane quella di Maurel. I pastori sono i personaggi

principali di questa rappresentazione della Natività che rievoca l’annuncio del bambinello…

Musica, canto, danza, contribuiscono ad illustrare una messinscena vivace e colorata di

questa versione biblica.

www.marseille-tourisme.com

http://www.rendezvousenfrance.com