Press "Enter" to skip to content

La Sottoveste Rossa – AL TEATRO BELLI di Roma Dal 29 Gennaio al 16 Febbraio 2014

AL TEATRO BELLI di Roma

Dal 29 Gennaio al 16 Febbraio
2014

La Sottoveste Rossa

di
 ROSARIO
GALLI

con  Patricia
Vezzuli

martina
menichini

e la partecipazione di ANGELO MAGGI

REGIA  CLAUDIO
BOCCACCINI

Aiuto Regia : Massimo Cardinali                             Assistente alla
regia : Malvina Ruggiano

Luci e Fonica : Alessandro Pezza                                                      Foto :
Gabriele Gelsi

“Quel corridoio è lungo, non vedo dove finisce,
ma lo vedrò, deve essere la mia sfilata più bella e allora indosso la cosa più
bella che ho, e cammino, una mattonella dopo l’altra, porta dopo porta, e tutti
si voltano perché sono bella…con la mia SOTTOVESTE ROSSA!”

Una donna in una sala vuota, il suo nome è
Clelia: è una bellissima donna sui 30 anni, un’ attrice. Sta aspettando da ore
per sostenere un provino con un importante e famoso Regista. E’ tardi: ormai
sono andati via tutti e lei è stanca e nervosa; decide di andarsene perché non
sopporta più lo stillicidio di quell’interminabile attesa.

Ad un tratto una voce irrompe nel silenzio,
scusandosi per il ritardo e pregandola di restare: è il Regista. La donna, nonostante
sia indispettita e contrariata, decide di rimanere, e chiede al Regista di
farsi vedere, ma lui resta nascosto, chissà dove, ad osservarla e la invita ad
esibirsi. Inizia un dialogo tra i due, teso, serrato, polemico, a tratti divertente:
a poco a poco verranno svelate verità inimmaginabili.

Il Regista cerca di sedurre con la Voce quella
bellissima donna che non vede il suo interlocutore ma è attratta dalle sue parole
e intrigata sempre più da quella sfida. Come per farsi perdonare,  il Regista introduce nella sala una ragazza, una
sua assistente, che offre all’attrice fiori e champagne; Clelia è lusingata da questa
galanteria inaspettata, e cerca, invano, complicità nella ragazza che, dopo aver
scambiato poche frasi, scompare.

Clelia così accetta di esibirsi davanti all’uomo,
che continua a celare il suo volto. Canta, balla, recita, e ormai non più del
tutto sobria per via del troppo champagne, si lascia andare a ricordi personali
sempre più intimi che avvolgono il Regista in una spirale di seduzione dalla
quale non riuscirà a sottrarsi.

Le sorprese non sono finite: in un crescendo di
colpi di scena il  Regista finalmente si
manifesterà, e…

Note
di regia

Lo spazio è quello vuoto di un teatro spoglio,
il tempo è quello interminabile di un’audizione che Lei, Clelia Calvo
l’attrice, vorrebbe sostenere ma che nessuno, così sembra, ha intenzione di
farle fare.

Passano ore interminabili e quando Clelia
rimasta ormai sola e rassegnata all’idea di essere stata dimenticata decide di
andarsene scopre che le porte del teatro sono sbarrate e che quindi le è
preclusa ogni via di fuga. 

Nello sconcerto che le deriva viene
improvvisamente raggiunta da una voce, quella del regista,  che, chissà da dove, la sta spiando. Ha così
inizio un sottile gioco a due intervallato dalle misteriose apparizioni di Evra
una specie di ancella silenziosa e inquietante nella sua provocante e ambigua
bellezza.

Il dialogo tra l’attrice e “il maestro” si
dipanerà tra colpi di scena e rivelazioni fino allo sconvolgente esito finale.
Il rapporto tra i due evidenzierà in continuazione le luci e le ombre di un
gioco che si rivelerà  perverso non tanto
sul piano del sado-masochismo,
naturalmente insito nel rapporto 
attrice-regista, ma soprattutto attraverso una progressiva messa a nudo
dei corpi e delle anime con i loro lati oscuri, con tutte le verità non dette,
con i ruoli insomma  che uomini e
donne  si trovano continuamente a
recitare in quell’infinito  copione “non scritto” che da sempre chiamiamo
vita.

scene di nudo e tematiche scabrose

consigliano la visione a un pubblico adulto

LA SOTTOVESTE ROSSA

Teatro Belli di
Antonio Salines

Piazza di Sant’Apollonia, 11, 00153 Roma

Dal 29 GENNAIO al 16
FEBBRAIO 2014

Da martedì a sabato
ore 21

domenica ore 17,30 –
lunedì riposo

Mission News Theme by Compete Themes.