Dal 16 ottobre alla GAM: SURPRISE – Max Pellegrini – Ritratti femminili 1966 – 71 a cura di Maria Teresa Roberto 16 ottobre 2013 – 19 gennaio 2014

SURPRISE

Progetto
della GAM –
Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di
Torino

Via Magenta 31 –
Torino

Quinto
appuntamento:

MAX
PELLEGRINI

Ritratti
femminili 1966 – 71

a
cura di Maria Teresa Roberto

16
ottobre 2013 – 19 gennaio 2014

Inaugurazione:
mercoledì 16 ottobre, ore 18.30

Prosegue alla
GAM Surprise
, il ciclo
annuale di appuntamenti dedicati ad aspetti specifici della ricerca artistica torinese tra anni Sessanta e
Settanta.

Allo sviluppo industriale ed
economico si accompagnarono allora trasformazioni urbane e sociali che
allargarono la base della produzione e del consumo di cultura. La vivacità del
confronto ideologico e gli impulsi creativi che caratterizzarono quella stagione
favorirono l’intersecarsi di discipline diverse, dall’architettura al design,
dalla moda alla grafica, dalla musica fino alle arti visive e performative.
L’atteggiamento sperimentale non si limitò all’innovazione linguistica, ma si
estese alle pratiche sociali e alle modalità di fruizione e dislocazione delle
opere nello spazio. Il progetto Surprise intende sondare e mettere a fuoco
aspetti e snodi di quel periodo, durante il quale sono state gettate le basi per
il riconoscimento artistico di Torino a livello internazionale.

Il
quinto appuntamento
, che inaugura il 16 ottobre,
è dedicato a Max
Pellegrini
.

Nato a Torino nel
1945, dove tuttora vive e lavora, Pellegrini ha frequentato l’Accademia
Albertina di Belle Arti e la facoltà di Architettura al Politecnico di Torino,
dove ha insegnato Sociologia urbana. Nella mostra d’esordio al Punto, nel 1966,
e in quella dell’anno successivo al Piper Club (Al Piper è la fine del mondo) Pellegrini
presentò la sua riflessione sul rapporto in quegli anni cruciale tra fotografia
e pittura.
Rivedere oggi quei quadri offre la possibilità di verificare la
specificità della relazione tra scatto fotografico e immagine pittorica che
l’artista sperimentava nelle serie iniziali dei suoi dipinti, dedicati a
paesaggi urbani e a figure femminili. Quelle icone contemporanee erano inserite
in una trama decorativa di arabeschi, in cui il riferimento all’Art Nouveau era
aggiornato dall’uso di gamme cromatiche acide e
fluorescenti.

Alla
GAM
verrà esposta una selezione di quelle opere di ispirazione
Pop
, alcune delle quali inedite, provenienti da importanti collezioni
private italiane.

La curatela
della mostra
, così come l’intero ciclo di Surprise, è affidata a Maria Teresa Roberto, docente di Storia
dell’Arte Contemporanea presso l’Accademia Albertina di Torino.

Orario:
martedì – domenica 10-18, chiuso lunedì.
La biglietteria chiude un’ora prima.  

Ingressi:
€ 10 ridotto € 8, gratuito ragazzi
fino ai 18 anni

INFO:
Centralino tel. 011 4429518 – Segreteria tel. 011 4429595

e-mail gam@fondazionetorinomusei.it

You may also like...