Parolario 2013 e il sogno: da Severgnini a Veca il festival letterario di Como

Nell’anno del cinquantesimo anniversario dell’indimenticabile discorso “I have a dream” di Martin Luther King al Lincoln Memorial di Washington, Parolario parla del sogno, provando a decifrare alcuni dei moltissimi sogni che attraversano le nostre vite: dai sogni – e gli incubi – dell’utopia politica al sogno razionale dell’arte, dal sogno come linguaggio del sacro alle fantasticherie, i giochi, le illusioni.
Il sogno diventa quindi il protagonista indiscusso della tredicesima edizione di Parolario, festival di letteratura e cultura che si svolge a Como dal 29 agosto all’8 settembre all’interno di una cornice anch’essa da sogno: Villa Olmo, la splendida villa settecentesca che si affaccia direttamente sul Lago di Como. Altri appuntamenti si terranno a Villa del Grumello, Villa Sucota (sede della Fondazione Antonio Ratti), Palazzo del Broletto (con la mostra “Le mani sulla luna” dell’artista Giancarlo Vitali) e la Biblioteca Comunale (con una mostra di libri rari e unici). Inoltre, un evento dedicato alla poesia si terrà a Villa Carlotta a Tremezzo mentre a S2 Style si parlerà di design.  
Il sogno è immaginazione, è fantasia che apre le porte alla realtà, quella che nutre da sempre la letteratura stessa, le arti e il cinema, “la macchina dei sogni”. Sogni dunque per immaginare meglio la realtà e per non appiattirsi sull’orizzonte grigio del quotidiano. Parolario per il suo tredicesimo anno sogna di unire riflessione e leggerezza nella massima apertura di orizzonti: un sogno che finora si è avverato.
La via che Parolario sceglie è, come sempre, legata ai libri e alla lettura, ma non solo; alle discussioni con gli autori – tra cui romanzieri, poeti, artisti, scienziati, filosofi – si affiancheranno il cinema, la musica, il teatro, la cultura del paesaggio e del verde, la cultura del cibo…
Undici giorni di appuntamenti gratuiti per esplorare con curiosità, impegno e divertimento i molti modi in cui il sogno si può dire.
La tredicesima edizione di Parolario sarà inaugurata giovedì 29 agosto dal poeta Franco Loi con la sua ultima raccolta di poesie in dialetto milanese, dall’affermata scrittrice di libri per bambini Beatrice Masini, finalista al Campiello 2013 con “Tentativi di botanica degli affetti” (Bompiani, 2013) – il suo primo romanzo per il pubblico adulto -, una riuscita prova letteraria dal linguaggio elegante e attento al particolare, una trama appassionata ricca di rimandi geografici, storici e letterari, e dal giornalista e scrittore Beppe Severgnini che nel suo ultimo libro sogna un futuro nelle mani dei giovani, gli unici in grado di riprogrammare il nostro Paese.

Narrativa
I grandi protagonisti di Parolario sono, come sempre, i libri. In anteprima nazionale, Andrea Vitali presenterà il suo ultimo giallo “Merk e i Gatti” (Collana Ivitali, Cinquesensi Editore, 2013) mentre l’enigmista e saggista Stefano Bartezzaghi parlerà di creatività partendo da Twitter. Il piccolo borgo di Carate, sulle sponde del Lago di Como, fa da sfondo alla nuova avvincente storia di Giuseppe Guin, letta a Parolario da Laura Negretti sulle musiche di Marco Fusi.
Affronta un tema sociale e di grande attualità Maurizio Quilici nel suo libro “Manuale del papà separato” (Datanews, 2012), puntando l’accento su un problema che tocca molti padri, italiani e non. Storie simili a quella del grande Vittorio De Sica, diviso tra due famiglie, raccontata in un’autobiografia scritta e presentata a Parolario dal primogenito Manuel.
Matteo Collura nel suo nuovo libro dedicato alla sua terra d’origine, la Sicilia, affronta i miti che hanno reso celebre l’isola, ricercandone le origini e seguendone gli imprevedibili sviluppi, mentre Luciano Canfora parlerà de “Il sogno della memoria”, in un incontro dedicato agli archivi storici. Lo storico della medicina Giorgio Cosmacini presenterà “La scomparsa del dottore. Storia e cronaca di una estinzione” (Cortina Editore 2013), saggio sulla progressiva scomparsa di una figura importante come quella del medico.
Tre scrittori, ognuno con una propria peculiarità, arriveranno a Parolario dalla vicina Svizzera: lo scrittore bilingue romancio e tedesco Arno Camenisch, il giallista Andrea Fazioli e il “Fabio Volo svizzero” Matteo Pelli.
Saranno presenti a Parolario alcuni autori della casa editrice Happy Hour Edizioni, giovane realtà editoriale nata a Milano nel 2010.
Tra gli altri ospiti di Parolario: Alessandro Bertante, Andrea Carobene, Remo Ceserani, Massimo Gardella, Andrea Kerbaker e Giuseppe Bresciani.

Narrativa al femminile
Gli incontri di Parolario avranno una ricca presenza di donne scrittrici. Enrica Caretta aveva un sogno: tornare a utilizzare le parole ormai scomparse dal dizionario, quelle obsolete che nessuno usa più. Lo ha realizzato con il “Passadondolo” (ADD, 2012) insieme a personaggi del mondo della cultura, della letteratura e dello spettacolo.
Una donna che parla di altre donne, delle loro virtù e della loro inesauribile capacità di apprendere, sognare e sperare è la prima vignettista e umorista italiana, Giuliana Maldini. Antonella Boralevi, invece, intreccia i sogni e le aspettative di due giovani ragazzi estremamente diversi, le cui esistenze però sono destinate a incrociarsi. La giornalista Marilena Lualdi dedica il suo ultimo libro ai sogni infranti degli eterni secondi, quei personaggi – della storia e della cronaca – che, nonostante il loro coraggioso dispiego di generosità e impegno, non sono riusciti a salire sul podio più alto. Amore, accettazione di sé, distanze e verità rivelate sono i temi del libro di Francesca Scotti, “L’origine della distanza” (Terre di mezzo editore, 2013), ambientato tra l’Italia e il Giappone; Chiara Maffioletti, invece, propone una storia autobiografica sul matrimonio, il giorno più bello della vita di ogni donna – quello sognato da tante ragazze – e a cui “Bastava dire no” (Marsilio, 2013).
Dei sogni infranti dei giovani si occupa invece Angelica Isola nel suo “Il muro” (Edizioni Fondazione Mario Luzi, 2013).
I sogni di donne over 50 sono invece al centro del libro di Daniela Rossi: donne che vogliono apparire ancora come ragazzine, o meglio ragazzone, e che vogliono vivere intensamente, mettersi in gioco, sentirsi apprezzate, essere amate. L’incontro è organizzato in collaborazione con il Premio Letterario Comoinrosa e con Comitato Imprenditoria Femminile della CCIAA di Como, collaborazione che raddoppia con l’incontro con la scrittrice Loredana Limone (Guanda 2012). Infine, a Parolario si parlerà anche di leadership al femminile con Christine Peer, vicepresidente della Soroptimist International European Federation, la giornalista Wilma Malucelli e Patrizia Salmoiraghi, vicepresidente di Soroptimist Italia.

Sostenibilità e cultura del verde
Con due anni di anticipo rispetto all’Expo 2015, Parolario affronterà i temi della sostenibilità e della cultura del verde. A tutti gli appassionati di giardinaggio e di orto, l’agronomo Davide Ciccarese insegnerà a coltivare “ortaggi con successo”, suggerendo soluzioni sostenibili per progettare, realizzare e coltivare un orto, sia in campagna sia in città, anche in pochissimo spazio. L’incontro è organizzato in collaborazione con Società Ortofloricola Comense.
Il giardino come spazio privilegiato del sognare sarà al centro dell’incontro, organizzato in collaborazione con Orticolario, con Marco Martella, curatore del saggio “E il giardino creò l’uomo” (Ponte alle Grazie, 2012), versione italiana di “The lost garden” del giardiniere-filosofo Jorn de Précy: la trasposizione su carta dell’idea e del sogno che l’autore riuscì a realizzare nella sua tenuta di Greystone. Con Marco Martella dialogherà Emanuela Rosa-Clot.
Si parlerà del sogno dei giardini inglesi con ReGiS, la Rete dei giardini storici, partendo dagli esempi ideati da Ercole da Silva (a Cinisello Balsamo, Desio e Monza, solo per citarne alcuni) e dal suo trattato “Dell’Arte de’ Giardini Inglesi”. Seguirà una visita guidata al parco di Villa Olmo e ai suoi elementi di giardino inglese con Emilio Trabella, presidente della Società Ortofloricola Comense.
Gli incontri “verdi” si terranno a Villa del Grumello.

Cultura del cibo
Saranno appuntamenti “golosi” e dal sapore speciale quelli che Parolario proporrà sempre a Villa del Grumello, tutti dedicati all’alimentazione e alla cultura del cibo. Il viaggio tra i sogni della tavola partirà dal bicchiere con le “istruzioni per l’uso del vino” stilate dalle migliori penne del giornalismo di settore, Roberto Racca e Vittorio Manganelli, e dalla birra artigianale Baladin, il sogno di Teo Musso diventato realtà e raccontato a quattro mani con l’amico e scrittore Marco Drago nel libro “Baladin, la birra artigianale è tutta colpa di Teo” (Feltrinelli, 2013).
Nella “Libera tavola” (Terre di mezzo, 2013) di Jacopo Manni e Lorenzo Buonomini si promuove, direttamente nel piatto, in modo originale e gustoso, la lotta alla criminalità organizzata: ingredienti coltivati nelle terre confiscate alle mafie sono combinati in preparazioni innovative e tradizionali che si mescolano con i ricordi di chi si è speso in prima persona contro la cultura mafiosa.
Dario Bressanini aiuterà a riconoscere le bugie, i pregiudizi e i falsi miti dell’alimentazione: dagli OGM all’agricoltura biologica, dai pregiudizi alimentari alla spesa a Km Zero, dal latte crudo al glutammato. Parolario accompagnerà i suoi spettatori nel mondo dello street food, fatto di empanadas, chiles rellenos, fish & chips, piadine, wanton e i dolci halo halo, guidati da Florasol Accursio e Giorgio Gabriel; mentre con il  giornalista gastronomico Valerio Massimo Visintin, la giornalista Roberta Schira, la food blogger Francesca D’Agnano e Aldo Palaoro si potranno conoscere i retroscena, le cattive abitudini e le contraddizioni del bizzarro e volubile mondo della ristorazione. Infine Alfredo Vanotti, dietologo e nutrizionista, mostrerà i trucchi per rendere divertente la “pallida” dieta scolastica. Con lui ci sarà il cuoco Peter Leemann che proporrà un baby show-cooking.
Anche il racconto di Roberto Perrone è legato al cibo: un amore impossibile tra i “Romeo e Giulietta della cucina” destinato a finire male a causa della rivalità tra le due famiglie, entrambe titolari di un ristorante stellato.

Il cinema di Parolario. Sognato da Fellini
Sono trascorsi vent’anni dalla scomparsa di Federico Fellini, e ancora si ha l’impressione che il più grande artista del cinema italiano sia stato, per certi versi, accantonato: troppo peculiari i suoi film, troppo fuori dagli schemi, anche a distanza di più di mezzo secolo dall’esordio dietro la macchina da presa. In questo anno dedicato al Sogno, Parolario ha deciso di rendere un omaggio al regista che, più di ogni altro, ha fatto della cinematografia un’autentica arte del sogno. La rassegna “Il cinema sognato da Fellini” realizzerà, in parte, i desideri dello stesso regista, come se ne fosse un direttore artistico “a distanza”. Quando gli chiesero quali fossero i film della sua vita Fellini rispose che gli sembrava troppo impegnativo definirli così, preferendo “I film che vorrei rivedere, anzi che voglio rivedere”. La lista originale, compilata alla fine degli anni Settanta, comprende 42 titoli. Parolario ne ha selezionati alcuni, scelti a partire dai più remoti nel tempo fino a coincidere, nel 1950, con il debutto alla regia del riminese: “Il monello” di Charlie Chaplin, “L’angelo azzurro” che ha reso celebre Marlene Dietrich, “Scarface – lo sfregiato” di Howard Hawks; “La grande illusione” di Jean Renoir, “Orizzonte perduto” di Frank Capra, “Ombre rosse” di John Ford con John Wayne, “L’orgoglio degli Amberson” di Orson Welles e “Giungla d’asfalto” di John Huston. Verranno proposti, poi, due lavori poco conosciuti, una rarissima prova d’attore di Fellini ne “Il miracolo” (episodio tratto dal film “L’Amore”), diretto dall’amico e maestro Roberto Rossellini a fianco di un’intensa Anna Magnani, e la ricostruzione dell’onirica Ultima sequenza di 8 1/2, poi sostituita dalla passerella che chiude il lungometraggio, splendido esempio di momento sognato una volta e mai più rivisto.

La filosofia
“Il sogno della ragione”, ciclo di sette conversazioni filosofiche, esplorerà alcuni degli scenari possibili che la lucida immaginazione dei filosofi è in grado di tracciare: l’idea che la realtà sia nulla più di una nostra rappresentazione; la possibilità di indagare la natura delle persone – e di noi stessi quindi – attraverso l’attenta riflessione su casi irreali e forse irrealizzabili. Il nostro rapporto, così sorprendentemente intimo, con quelle creature oniriche che sono i personaggi letterari, o la riflessione sulle basi neurali delle nostre azioni, dei nostri dolori, e della nostra vita reale o immaginaria. Questi temi saranno affrontati da Alfredo Paternoster, Andrea Bottani, Matteo Motterlini, Gianvito Martino, Salvatore Veca, Carola Barbero, Giuliano Boccali e Giulio Guidorizzi. Come di consueto, tutti gli incontri saranno moderati da Alfredo Tomasetta.

La poesia
La poesia ha sempre occupato un posto speciale nelle diverse edizioni di Parolario. Ospiti di eccezione di questa edizione saranno Franco Loi, che aprirà Parolario 2013, e Giampiero Neri, fratello del famoso scrittore Giuseppe Pontiggia. Su di lui Alessandro Rivali ha scritto il libro-intervista “Un maestro in ombra” (Editoriale Jaca Book, 2013) che contiene versi e prose inediti del poeta. Insieme a Giampiero Neri e Alessandro Rivali, salirà sul palco di Parolario anche il giornalista di Repubblica Antonio Gnoli.
Ma quest’anno la poesia si trasferirà anche nelle splendide sale di Villa Carlotta a Tremezzo (CO): durante l’incontro “Il suono, il senso tra realtà e sogno: le parole della poesia. Sogno di un pomeriggio di fine estate” interverranno Laura Di Corcia, Veronica Fallini, Laura Garavaglia, Tina Pellizzoni e Wolfango Testoni, accompagnati al violoncello da Emanuele Rigamonti (prenotazione obbligatoria: tel. 0344 40405 – segreteria@villacarlotta.it). A Villa Olmo, invece, il pubblico potrà partecipare al laboratorio “La poesia è un orecchio” con la poetessa e giornalista Donatella Bisutti (prenotazione obbligatoria: info@parolario.it – tel. 031.301037).
Entrambi gli incontri sono organizzati in collaborazione con La Casa della Poesia di Como.

Star bene: la salute e il sogno di un corpo perfetto
Parolario dedica attenzione alla salute e al desiderio costante di un corpo sano, perfetto ed equilibrato. Con Angela Giaccardi, autrice di “Stretching facile” (Red Edizioni, 2013), sarà possibile imparare ad avere un corpo sempre in forma attraverso alcuni esercizi di stretching spiegati dall’autrice durante una lezione pratica nel parco di Villa Olmo, mentre i consigli del medico e scrittore Filippo Ongaro saranno suggerimenti utili per chi sogna di tornare a sorridere guardandosi allo specchio e di riprendere in mano la propria vita, la propria salute riappropriandosi di quell’energia e quel buon umore capaci di far girare le cose per il verso giusto. In collaborazione con Comocuore, Parolario organizza la “Mattinata della prevenzione”, durante la quale sarà possibile fare un controllo gratuito di colesterolo, pressione arteriosa e glicemia.
Teatro Sociale di Como: 200 anni e non sentirli
Il Teatro Sociale di Como compie 200 anni e per l’occasione Parolario gli dedica incontri e spettacoli durante l’ultima giornata, l’8 settembre. Alberto Longatti anticiperà a Parolario i contenuti del libro sui 200 anni di storia del Teatro Sociale, che verrà presentato il 9 settembre proprio al Teatro, mentre Sara Cerrato presenterà il volume per bambini “Sipario Kids” (BabyGuide). L’incontro sarà animato dalle attrici Mita Bolzoni e Alice Bettinelli della compagnia La Quercia Teatro, accompagnate dalla proiezione delle illustrazioni del libro, realizzate da Mauro Fuggiaschi, con la veste grafica di Samuela Chindamo. Sempre ai più piccoli è dedicato il gioco-laboratorio “La Magia del Teatro” durante il quale i bambini verranno avvicinati al mondo delle scene. Alla sera, i cantanti AsLico, accompagnati da Federica Falasconi al pianoforte, eseguiranno arie dall’Otello di Giuseppe Verdi. L’omaggio al Teatro Sociale sarà chiuso dal videomontaggio a cura di Mario Bianchi “Un Otello, un altro Otello, un Otello ancora”.

Arte, architettura e design
A Parolario si parlerà di arte e design partendo dall’evoluzione di una delle aziende trainanti del design italiano: la Guzzini. Con Moreno Gentili e Domenico Guzzini, Presidente della Fratelli Guzzini, si parlerà del sogno di una famiglia italiana diventato realtà. Uno degli incontri legati al design sarà ospitato nel Concept Store S2 Style, situato all’interno dei Giardini Sant’Elia di Como, dove Enzo Carbone, Daniele Lupetti, Riccardo Chiozzotto e Roberto Borghi presenteranno il volume “Design for 2013” (Fausto Lupetti Editore, 2013), una guida-catalogo sul design italiano.
L’arte del Novecento è al centro dell’incontro con Nicoletta Ossanna Cavadini, che indagherà come il sogno sia, nell’arte, espressione di massima libertà creativa. Ma l’arte, fin dall’antichità, ha mantenuto forti legami anche con la rappresentazione del sesso. I sogni erotici nell’arte saranno il centro dell’appuntamento con il critico d’arte Luca Beatrice.
Infine, un omaggio all’architetto Ico Parisi e agli ingegneri che, tra gli anni delle due guerre, provarono a rinnovare l’architettura di Como: interverranno Fabio Cani, storico comasco, Angelo Monti, presidente dell’Ordine degli Architetti di Como, e Luigi Cavadini, assessore alla Cultura del Comune di Como.

Gli spettacoli
Dopo il successo dello scorso anno, ritorna a Parolario Massimiliano Finazzer Flory, questa volta con l’anteprima nazionale “Grande serata futurista”. La performance, che mette in scena le arti, la letteratura, il teatro, la danza contemporanea, la musica e, attraverso la proiezione di immagini, i quadri più significativi della pittura futurista, è dedicata “all’abitudine all’energia!”, slogan delle serate futuriste lanciate nel 1913. Tra gli altri appuntamenti, la lettura-spettacolo di Roberto Mussapi ispirata alla Metamorfosi di Ovidio, lo spettacolo “Il cuore di Chisciotte” con Gek Tessaro, basato sul libro omonimo vincitore del Premio Andersen e premiato come Migliore Albo Illustrato, e, come ogni anno, lo spettacolo teatrale con gli studenti del Liceo Classico A. Volta di Como, questa volta tratto dall’Odissea di Omero.
La poesia e la musica si uniscono nel recital di violino e pianoforte “Un sogno dentro un sogno”, con Ostap Shutko e Sergio Vecerina su musiche di Vitali, Mozart, Bellini, Chopin, Elgar, Schumann, Paganini, Sarasate e Vieuxtemps. Durante l’incontro, organizzato in collaborazione con Como Classica, Marco Ballerini leggerà alcune poesie.
Infine il teatro, con la Compagnia Teatrale La Pulce e lo spettacolo “Paradiso buio – sogni e passioni dello spettatore cinematografico”, una narrazione divertente e poetica allo stesso tempo per ricordare e riscoprire il fascino delle sale cinematografiche come luoghi di sogno collettivo.
Ancora di cinema si parlerà grazie al videomaggio di Mario Bianchi “Giardini dei Lumière” sulla rappresentazione dei giardini nel cinema.

Gli omaggi
La tredicesima edizione di Parolario vuole rendere omaggio a due grandi scrittori: Cesare Pavese e James Joyce. Per ricordare il grande scrittore italiano, nel 2012 la Fondazione Cesare Pavese ha lanciato la riscrittura della “Luna e i falò” e dei “Dialoghi con Leucò” su twitter. Un percorso che ha prodotto migliaia di tweet e la nascita di una comunità coesa e viva attorno agli esperimenti di riscrittura proposti dal portale www.twitteratura.it. L’incontro di Parolario, organizzato in collaborazione con la Fondazione Cesare Pavese e il Comune di Santo Stefano Belbo (CN), luogo natale dello scrittore, sarà l’occasione per conoscere le Langhe e i luoghi di Cesare Pavese e sperimentare dal vivo la riscrittura di un brano di #Paesituoi (l’esordio narrativo di Pavese). Paolo Costa (docente universitario), Hassan Bogdan Pautàs (blogger) e Pierluigi Vaccaneo (direttore della Fondazione Cesare Pavese) coinvolgeranno il pubblico di Parolario in un esperimento di “live tweeting” analogico: tutti i presenti riceveranno un testo e saranno invitati a ricavarne un tweet. I lavori saranno assemblati in tempo reale e proposti all’interno di una mappa tematica e formale. Al termine dell’incontro verranno premiati i migliori tweetbook, realizzati partecipando al contest #Paesituoi (online dal 4 agosto 2013 su www.fondazionecesarepavese.it e www.twitteratura.it), e il cantautore Beppe Giampà presenterà la versione musicata e inedita dei tweet di #LunaFalò, il primo progetto di riscrittura della Fondazione Cesare Pavese. Seguirà una degustazione di prodotti tipici delle Langhe.
John McCourt e Sara Sullam, parleranno de l’Ulisse, l’opera più importante dello scrittore irlandese, nell’incontro “La sfida di Joyce: la storia della prima traduzione in italiano dell’Ulisse”.

Storia e attualità
A Villa Sucota/Fondazione Antonio Ratti verranno ospitati incontri su tematiche storico-sociali. Giorgio Vittadini e Paolo De Santis affronteranno i temi che stanno alle radici della crisi: le ragioni politiche, economiche e culturali di un processo che può essere ancora capovolto. Anche Giorgio Benvenuto e Antonio Maglie si occuperanno di una questione particolarmente delicata in questi anni di crisi: il lavoro. Giorgio Cavalleri ed Elisabetta Ferrario si occuperanno invece di uno dei simboli di Como: il Novocomum, detto il Transatlantico, progettato da Giuseppe Terragni, una casa che fin dal suo apparire nel paesaggio della città nel 1929 era stata motivo di dibattiti e di contrasti. La Como fascista sarà invece al centro dell’incontro con Giancesare Bernasconi, Giorgio Cavalleri e Pierluigi Comerio.
Partendo dal libro “Il foglio era bianco” (La Grand Illusion, 2013) scritto da Nico Zardo e illustrato da Francesca Zoboli si racconterà il progetto artistico e culturale Artificio – Centro Culturale Urbano Diffuso attraverso “Bianco Artificio”, un incontro creativo tra scrittura e arte performativa. All’incontro seguirà una passeggiata che percorrerà parte del Chilometro della Conoscenza, nel tratto che va da Villa Sucota a Villa Olmo.
Un rumore improvviso può generare un sogno notturno lunghissimo che termina improvvisamente con quel rumore, il sogno lunghissimo può durare una frazione di secondo. Il passaggio rapidissimo accanto a una pianta fiorita, a un giardino, può avere la durata di pochi secondi eppure dilata sensazioni e memorie in un tempo molto più allargato: Darko Pandakovic, la paesaggista Lara Giamporcaro e lo psicologo Giuliano Arrigoni analizzeranno le conoscenze neuroscientifiche sulla percezione, i misteri di ciò che avviene tra gli organi percettivi e le complesse connessioni del computer celebrale, solo in pochissima parte conosciuto.

Non solo narrativa
Una serie di incontri speciali si affiancheranno ai più classici incontri con gli autori. Insieme a Bruno Berni, Yasmina Melaouah, Paolo Maria Noseda, Andrea Di Gregorio, e in collaborazione con AITI (Associazione Italiana Traduttori e Interpreti), si indagherà il sogno della traduzione perfetta, alla scoperta dei segreti di chi si cela dietro la traduzione di un libro straniero. Andrea Di Gregorio sarà poi di nuovo a Villa Olmo per un incontro dedicato alla scrittura autobiografica, tema del prossimo corso di scrittura creativa organizzato da Parolario, a cui seguirà la presentazione del libro di racconti del corso “Colpiti al cuore” conclusosi la scorsa primavera. Stefano Cammelli, profondo conoscitore della cultura e della società cinese, racconterà insieme a Edoardo Vigna, giornalista di Sette, il difficile cammino per penetrare in un mondo distante, la Cina, in un percorso in cui i viaggiatori non si scontrano solo con la realtà circostante, ma anche con la loro profonda solitudine. Infine, “Il parco narrato”, una visita guidata al parco di Villa Olmo a cura di Emilio Trabella, presidente della Società Ortofloricola Comense (prenotazione obbligatoria a info@parolario.it – tel. +39.031.301037. Contributo di partecipazione di 5 euro per gli adulti).

Mostre
“Giancarlo Vitali. Le mani sulla luna” è il titolo della mostra ospitata a Palazzo del Broletto (31 agosto – 29 settembre) e realizzata in collaborazione con Parolario. La mostra, curata da Velasco Vitali insieme ai figli Rocco e Oliviero, è dedicata alle opere dell’artista comasco Giancarlo Vitali: volti nella folla, volti che guardano verso il cielo, volti che il pittore non connota ma che nasconde in maschere che appaiono come sarcastiche caricature, come maschere confuse nell’ansiosa speranza di un sogno collettivo di vera libertà.
Del sogno si sono occupati narratori, saggisti e illustratori. Una selezione di libri antichi o rari, esemplari onirici di grande bellezza e grazia in tiratura limitata o pezzi unici provenienti dalle collezioni della Biblioteca comunale di Como vengono esposti per la prima volta, presso la biblioteca, anche in occasione di Parolario, dal 2 agosto al 30 settembre.
Villa Olmo ospita invece la mostra con gli scatti vincitori del concorso fotografico “Il Razionalismo, dai sogni dell’uomo all’architettura”, promosso dall’Associazione Fotoamatori del Lario in collaborazione con Eliolux.

Solidarietà
Parolario quest’anno ospita Comocuore, nota associazione del territorio che si occupa della prevenzione delle malattie cardiovascolari.
Le malattie cardiovascolari sono la più importante causa di morte, ancora più di incidenti stradali, tumori e altre malattie, e la prevenzione è l’arma più efficace per ridurre la diffusione della malattia cardiaca. È con questa filosofia che nel 1985 nasce Comocuore, con lo scopo di promuovere iniziative di informazione e prevenzione volte a ridurre la mortalità per malattia coronarica nella nostra città e nel territorio circostante. L’associazione svolge la sua attività nel campo dell’educazione sanitaria e della ricerca epidemiologica per l’identificazione degli individui a rischio coronarico elevato, suggerisce e promuove l’organizzazione di interventi di pronto soccorso cardiologico in collaborazione con le strutture pubbliche cittadine.

Il sogno è il vero protagonista della tredicesima edizione di Parolario e anche Clerici Auto, sponsor della manifestazione, contribuisce con un’auto da sogno: nella centralissima Piazza Cavour di Como si potrà infatti ammirare una Jaguar, brand prestigioso e dal passato glorioso.

Tutti gli incontri di Parolario sono a ingresso gratuito.

Il programma potrebbe subire variazioni.
Per aggiornamenti in tempo reale consultare il sito www.parolario.it, Facebook o Twitter.

Per l’intera durata della manifestazione, a Villa Olmo saranno operativi un info point per informazioni e aggiornamenti e un bookshop, dove saranno in vendita i libri presentati a Parolario (orari: lun-ven 16-23; sab e dom 10.30-13.30 e 15-23).

Sarà inoltre attivo un servizio navetta gratuito che collegherà Piazza Cavour ai luoghi degli incontri. Il servizio è realizzato in collaborazione con ASF.

Parolario è realizzato con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e con il sostegno di Regione Lombardia, Provincia di Como, Comune di Como, Camera di Commercio di Como, Fondazione Comunità Comasca, Unindustria Como.
Con il prezioso contributo di Clerici Auto, Alecom, ACSM AGAM e Enerxenia, BCC di Alzate Brianza, Cantù e Lezzeno, Equipe Ornella e Cinema Teatro di Chiasso.
Si ringraziano: SistemaComo2015, Villa del Grumello, Fondazione Antonio Ratti, Teatro Sociale di Como, Villa Carlotta e poi Artificio Centro Culturale Urbano Diffuso, Associazione Chiave di Volta, Comocuore, Fondazione Cesare Pavese, Italia Nostra, La Casa della Poesia di Como, ReGiS, Società Ortofloricola Comense.
Media Partner: Quotidiano La Provincia di Como, Lifegate, Como Report Tv, Nadirpress.

Un ringraziamento speciale va a Officine Bianche (www.officinebianche.it) che ha realizzato il nuovo e bellissimo sito www.parolario.it.

Per informazioni:
Tel. +39.031.301037
info@parolario.it
www.parolario.it

Parolario è anche su Facebook: facebook.com/Parolario
e su Twitter:  twitter.com/Parolario

Uncategorized

La storia ed il futuro di Crespi d’Adda #cameradeideputati @Crespidadda

L’esperienza di Crespi d’Adda sarà uno degli argomenti del convegno “Il Patrimonio industriale in Italia. Da spazi vuoti a risorsa per il territorio”, che si svolgerà il prossimo 7 ottobre 2016, a Roma, presso la Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio. L’evento, promosso dalla Senatrice Michela Montevecchi, e organizzato da Simona Politini, sarà un’occasione unica […]

Read More
Uncategorized

EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO #eventiculturalimilanesi

COMMERCIO. EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO Tajani: ”Il percorso fatto di commistione tra vendita, socializzazione, arte e cultura rappresenta un modello di riferimento per il futuro di molte strutture simili, contribuendo a riportare i mercati coperti al centro della vita dei quartieri” Milano, 7 ottobre 2016 […]

Read More
Uncategorized

Museo Van Gogh @ MuseoVanGogh

Vincent van Gogh (1853-1890), nato nel Brabante, è attualmente uno degli artisti più famosi di tutti i tempi. Se desideri ammirare i capolavori di Van Gogh, una visita al Museo di Van Gogh di Amsterdam è d’obbligo. Ma per gli ammiratori del pittore, i posti da visitare non finiscono certo qui. Situato nel meraviglioso Parco […]

Read More