Passa ai contenuti principali

Dal 5 al 9 giugno Carovigno (Brindisi) il festival dedicato ai vitigni autoctoni del Mezzogiorno per celebrare l’eccellenza del Sud Italia



Chiuse le iscrizioni a Radici del Sud:
137 le cantine
Tanta partecipazione per le aziende di Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia.
236 i vini che si sottoporranno al ricco wine-tasting composto da 16 giudici internazionali e 16 nazionali

Chiuse le iscrizioni per le cantine che parteciperanno a Radici del sud, il festival dedicato ai vitigni autoctoni del Mezzogiorno in programma a Carovigno (Brindisi) dal 5 al 10 giugno.

137 aziende di Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia - per un totale di 236 vini in concorso - si sottoporranno al ricco wine-tasting composto da 16 giudici internazionali e 14 nazionali.
La grande vetrina dei vini da vitigno autoctono del Sud Italia è pronta ad accogliere  addetti ai lavori e appassionati da tutto il mondo incoraggiando le relazioni commerciali fra le parti e fornendo un ritratto dettagliato del settore che negli anni ha saputo con consapevolezza, professionalità e competenza riscuotere ampi successi di critica e conquistarsi vaste quote di mercato.
Nei sei giorni di incontri e scambio culturale che Radici del Sud promuove attraverso le numerose attività in programma, si delineano i tratti di grande pregio e fascino espressi dai vini da vitigno autoctono fortemente connotati dal carattere dei territori dove prendono vita, dalla loro storia, la loro cultura e tradizioni. Produttori, wine-buyer, wine-writer ed esperti di settore animeranno un confronto che si articolerà nelle attività di approfondimento a tema e nei laboratori previsti in occasione di Radici del Sud e soprattutto attraverso la disamina dei vini che parteciperanno al blind tasting che decreterà gli esemplari più convincenti al vaglio di qualificate giurie. A Radici del Sud saranno presenti principali specialisti del settore che, con specifico interesse, oggi si rivolgono al mondo dei vini autoctoni pugliesi come ad un comparto sufficientemente affermato.
A partire dalle 11 fino alle 20, sempre del 9 giugno,  ben 66 cantine saranno protagoniste dei banchi d’assaggio rivolti sempre al grande pubblico che, potrà così, degustare e conoscere l’eccellenza del sud Italia. Alle ore 18 è in programma l’atteso convegno “I vitigni autoctoni Meridionali, la nuova economia del Sud Italia” dove interverranno, insieme agli organizzatori, gli ospiti nazionali, internazionali, produttori e istituzioni del settore. Mentre alle ore 19,30 saranno resi noti i nomi dei vini più apprezzati della manifestazione. Alle ore 21 chiuderà la giornata la cena di gala "Stelle a Sud" apparecchiata da cinque tra i più affermati chef del Sud Italia durante la quale le loro raffinate elaborazioni culinarie saranno servite insieme alla selezione completa dei vini vincitori di Radici del Sud 2013.
Per partecipare alla cena Stelle a Sud è necessaria la prenotazione al numero 3886221847 oppure è possibile mandare una mail a info@ivinidiradici.com; redazione@apuliamagazine.it.
 
Poi ci sarà spazio anche all’arte con allestimento di opere in ceramica realizzate tra 700 e 900 di Grottaglie (TA) della collezione Casa Vestita, pezzi di design italiano e straniero a cura di Misia Arte e riproduzioni, di piccole dimensioni, del curioso e geniale monumento del pugliese Iginio Iurilli, il Megariccio.

Davvero ricco quindi l’evento in programma per l’ottava edizione di Radici del Sud, volto a promuovere le grandi eccellenze del meridione e permettere al visitatore di passare una giornata d’estate in uno degli angoli più belli della Puglia, a pochi chilometri dal mare.

Focus Export

Per quanto riguarda l’export sono in crescita notevole i vini del sud Italia (Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia) soprattutto nei gusti dei consumatori tedeschi. Nel 2012 le esportazioni generali sono state pari a 164 milioni e 151mila euro.
Nel dettaglio, per quanto riguarda i vini pugliesi nel 2012 le esportazioni sono state pari a 121 milioni e 550mila euro, con un aumento del 23,7% rispetto al 2011. E addirittura un incremento del 99.5% negli ultimi cinque anni, dal 2007 al 2012. In Basilicata 2 milioni 262mila euro, con un aumento del 12,8% rispetto al 2011 e dal 2007 al 2012 una crescita pari al 4.3%
I vini campani hanno registrato rispetto al 2011 un aumento del 16,9% registrando nel 2012 un fatturato pari a 35milioni e 117mila euro quelle calabresi 5milioni e 222mila euro con un aumento rispetto al 2011 pari al 22,3 %. Infine i vini della Sicilia hanno avuto un fatturato di 99mila e 86mila euro con una crescita del 2,6%
Insomma ottimi risultati per i vini del Sud Italia.


Radici Wines è il marchio che raccoglie le attività di promozione del territorio ideate da Associazione Propapilla che nasce nel 2006 da una idea di Nicola Campanile, attuale presidente. Una delle più importanti attività svolte da Associazione Propapilla nell’ambito della promozione del territorio è Radici del Sud - Festival dei vitigni autoctoni da quest'anno Salone dei vini Meridionali.