LA FACCIA ASIATICA DI ISTANBUL : ÜSKÜDAR E KADIKÖY

Grazie a http://www.turchia.it/

LA CITTÀ DEI CIECHI. KADIKÖY

Secondo la leggenda, Kadıköy fu il luogo in cui le prime popolazioni si stabilirono, non accorgendosi della grande bellezza di Sarayburnu. Ma questa è una affermazione sbagliata.

Sicuramente non ha i vantaggi geografici di Sarayburnu, ma Kadıköy è famosa per la sua aria salubre e durante il periodo Ottomano e Bizantino era una zona utilizzata dagli imperatori per la caccia e come luogo di riposo, vacanza e di divertimento. Kadıköy è uno dei primi insediamenti ad essere stato creato ad Istanbul e ha una storia che risale al 3000 a.C.

Anche se Kadıköy è all’interno dei confini di una metropoli, non ha perso la sua qualifica di zona di villeggiatura che aveva nel periodo Bizantino e Ottomano. Con un tram, percorrendo un viaggio lungo Bahariye-Moda-Mühürdar, potete raggiungere le vie della Moda, Kalamış e Fenerbahçe con i giardini del tè, luoghi ideali per chi volesse allontanarsi dalla confusione e dalla folla cittadina. Non c’è da sorprendersi nel vedere che gli imperatori Bizantini e Ottomani hanno scelto questo posto per le loro residenze estive.

La penisola di Fenerbahçe con i suoi alberi secolari, i tavolini immersi nel verde e da dove si possono osservare il Mar di Marmara e le isole, è il luogo ideale per riposarsi. C’è anche un aerostato con il quale potrete osservare Istanbul a 300 metri di altezza, per vedere questa città da un altro punto di vista.

Uno dei monumento più importanti di Kadıköy è la stazione ferroviaria Haydarpaşa Gar Binası. Con la sua bellezza architettonica e la posizione sulla costa è il simbolo di Kadıköy, Haydarpaşa Tren Garı, una stazione ferroviaria costruita nel 1908 che per chi viaggia in treno è la prima fermata verso l’Anatolia e l’ultima per chi viene ad Istanbul. Questa stazione durante la prima guerra mondiale è stata utilizzata come arsenale e, sebbene i depositi siano stati sabotati, sono riusciti comunque a giungere fino ai nostri giorni diventando una delle opere più monumentali della parte asiatica di Istanbul.

Un altro simbolo di Kadıköy è Süreyya Operası, il Palazzo dell’Opera, che è possibile visitare andando da Haydarpaşa a Fenerbahçe. Aperto nel 1927 come Palazzo dell’Opera, è stato successivamente utilizzato come cinema per poi ritornare alla sua funzione originaria. La struttura è molto stravagante perché per costruirla sono stati copiati importanti teatri e

Palazzi dell’Opera europei. Per esempio la hall è copiata dall’Opera di Parigi e la parte interna ripresa dai teatri tedeschi.

ÜSKÜDAR

Su uno dei colli, di fronte alla Torre di Kız Kulesinin di Üsküdar si trova il külliye Santo Mahmud Hüdai Külliyesi uno dei luoghi di preghiera del periodo Ottomano, luogo di culto dove ci si riuniva, di cui una parte venne costruita nel 1595 ed è diventata sempre più grande ed è stata ricostruita dopo essere distrutta dagli incendi. Fino al 1925 è stato il luogo in cui venivano realizzati i riti dei membri delle sette e, successivamente alle leggi che impedirono questo utilizzo, è stata utilizzata solo come moschea. Anche il Turbe Mausoleo di Mahmud Hüdai, che era molto rispettato dai Sultani Ottomani, veniva visitato molto frequentemente come il Mausoleo di Eyüp Sultan Türbesi. All’interno della moschea vi consigliamo di vedere le decorazioni, che hanno un posto importante nell’arte Ottomana.

KUZGUNCUK

Tutte le religioni, tutte le popolazioni se vogliono, possono vivere insieme in fratellanza. Esempio di questa armonia è Kuzguncuk, un quartiere legato a Üsküdar nella parte asiatica del Bosforo. Troverete due Chiese, una Sinagoga e una Moschea che si trovano l’una accanto all’altra. Inoltre la Chiesa Surp Krikor Lusaveriç e la Moschea Kuzguncuk hanno il cortile in comune.

Una parte degli Ebrei arrivati dalla Spagna a Istanbul, che sono giunti prima della conquista da parte degli Ottomani, hanno scelto di stabilirsi a Kuzguncuk. Dietro alla Chiesa e alla Moschea si trova una Sinagoga e accanto a questa la Chiesa di Ayios Yeorgios Kilisesi. Come i luoghi di culto, anche i cimiteri sono gli uni accanto agli altri o posizionati di fronte. Nel cimitero di Nakkaştepe, che ha 600 anni, il cimitero Musulmano è accanto a quello Ebreo. Di fronte a questo cimitero c’è il cimitero Rum ortodosso.

Gli altri monumenti importanti di Kuzguncuk sono le residenze estive e i villini lungo il Bosforo. In un luogo come Kuzguncuk, dove la natura è rimasta intatta, Fethipaşa Korusu è un posto per potersi rilassare.

BEYLERBEYI

Questo lato di Istanbul, come accennato precedentemente, è stato utilizzato nel periodo Bizantino e Ottomano come luogo di vacanza. Il monumento più importante che si trova a Beylerbeyi è Palazzo Beylerbeyi, costruito nel 1865 su richiesta di Sultan Abdülaziz. Questo palazzo, che veniva utilizzato come residenza di vacanza dal Sultano, è stato costruito al posto di un vecchio edificio in legno. Sultan Abdülaziz è un Sultano conosciuto proprio per il suo attaccamento al mare, per questo all’interno del Palazzo ci sono molti quadri che rappresentano il mare e le navi.

Uncategorized

HENRI CARTIER-BRESSON FOTOGRAFO Villa Reale di Monza Secondo Piano Nobile 20 ottobre 2016 – 26 febbraio 2017 @Villarealemonza @HENRICARTIERBRESSON

140 scatti di Henri Cartier Bresson, in mostra alla Villa Reale di Monza dal 20 ottobre, dedicati al grande maestro, per immergerci nel suo mondo,  per scoprire il carico di ricchezza di ogni sua immagine, testimonianza di un uomo consapevole, dal lucido pensiero, verso la realtà storica e sociologica.     Prostitute. Calle Cuauhtemoctzin, Città del […]

Read More
Uncategorized

La storia ed il futuro di Crespi d’Adda #cameradeideputati @Crespidadda

L’esperienza di Crespi d’Adda sarà uno degli argomenti del convegno “Il Patrimonio industriale in Italia. Da spazi vuoti a risorsa per il territorio”, che si svolgerà il prossimo 7 ottobre 2016, a Roma, presso la Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio. L’evento, promosso dalla Senatrice Michela Montevecchi, e organizzato da Simona Politini, sarà un’occasione unica […]

Read More
Uncategorized

EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO #eventiculturalimilanesi

COMMERCIO. EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO Tajani: ”Il percorso fatto di commistione tra vendita, socializzazione, arte e cultura rappresenta un modello di riferimento per il futuro di molte strutture simili, contribuendo a riportare i mercati coperti al centro della vita dei quartieri” Milano, 7 ottobre 2016 […]

Read More