Eadvout

Eadv1

giovedì 15 dicembre 2016

Ascanio Celestini al teatro storchi di modena il 17 e 18 dicembre

Stagione 2016/2017
Teatro Storchi, Largo Garibaldi 15, Modena
laika foto di Fabiola Chierici
17 dicembre ore 20.00
18 dicembre ore 15.30
LAIKA
uno spettacolo di Ascanio Celestini
con Ascanio Celestinie Gianluca Casadei alla fisarmonica
e la voce fuori campo di
Alba Rohrwacher
Fabbrica
Modena, 15 dicembre 2016

Artista ecclettico, instancabile affabulatore, volto noto della tv, tra i massimi esponenti del teatro di narrazione, scrittore e tessitore di storie in cui confluiscono critica sociale e iperbole comica, Ascanio Celestini arriva al Teatro Storchi di Modena il 17 e il 18 dicembre con Laika.
Capace di animare un teatro soltanto con l’uso della parola, Celestini veste qui i panni di un Gesù improbabile che vive chiuso in un appartamento di una qualche periferia. Dalla sua finestra vede il parcheggio di un supermercato e il barbone che di giorno chiede l’elemosina e di notte dorme tra i cartoni. Con Cristo c’è Pietro che passa gran parte del tempo fuori di casa ad operare concretamente nel mondo: fa la spesa, compra pezzi di ricambio per riparare lo scaldabagno, si arrangia a fare piccoli lavori saltuari per guadagnare qualcosa.
Nell’appartamento questo Cristo contemporaneo non vuole nessun altro, ma è interessato a ciò che accade fuori: «soprattutto vuole sapere del barbone – afferma Ascanio Celestini – non per salvarlo dalla sua povertà, ma per fargliela vivere allegramente. Come se il mondo fosse il parcheggio davanti alla sua finestra. Il mondo in mille metri quadrati di asfalto osservati da un paradiso-monolocale pochi metri al di sopra. Il barbone è un nordafricano scappato dal proprio paese. Anche la scena è scarna e senza gli oggetti che siamo abituati a vedere in un appartamento. La cecità del personaggio è una cecità psichica che secondo William James “consiste non tanto nell’insensibilità alle impressioni ottiche, quanto nell’incapacità di comprenderle”».
Insomma non il Cristo che è vero Dio e vero uomo, ma un essere umanissimo fatto di carne, sangue e parole, sceso in terra per condividere con l’uomo moderno i dubbi e le paure del nostro presente.
«Con la crisi delle ideologie nate dall’illuminismo e concretizzatesi soprattutto nel ‘900 anche le religioni (in quanto visioni totalizzanti e dunque ideologiche) hanno subito un contraccolpo. L’ebraismo ha trovato una patria mescolando le incertezze religiose alle certezze nazionaliste, anche l’islamismo è diventata una religione di lotta e di governo, mentre il cristianesimo si trova a vivere la sua fase più contraddittoria con due Papi viventi uno accanto all’altro, ma con due volti contrastanti: il rigido teologo e il prete di strada. A distanza di un paio di millenni ci troviamo ora a rivivere le incertezze del cristianesimo delle origini, frutto dell’ebraismo e seme dell’islam. Queste incertezze vorrei che passassero in maniera obbligatoriamente grottesca e ironica nel personaggio che porterò in scena: un povero Cristo che può agire nel mondo solo come essere umano tra gli esseri umani».

CONVERSANDO DI TEATRO
Sabato 17 dicembre al termine della recita, Ascanio Celestini incontra il pubblico presso il Teatro Storchi
Ingresso libero
INFORMAZIONI
AMICI DEI TEATRI MODENESI
059/211155 –
amiciteatri@yahoo.itwww.amiciteatrimodenesi.it

EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE
059/2136031 –
d.venturelli@emiliaromagnateatro.comwww.emiliaromagnateatro.com

BIGLIETTERIA TEATRO STORCHI
Ingresso € 25 / 10,50
Largo Garibaldi, 15 - tel. 0592136021
Orari:
martedì dalle ore 10 alle 14 e dalle 16.30 alle 19.00; dal mercoledì al venerdì dalle ore 10.00 alle 14.00; sabato dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 16.30 alle 19.00
BIGLIETTERIA TELEFONICA
059 2136021 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13

Nessun commento:

Posta un commento

Thanks for your collaboration!