DESIGN CITY MILANO | 7-9 OTTOBRE 2016 @Designcity

BASE Milano_ph Maria Teresa Furnari
FESTIVAL DELLE COMUNITÀ DEL CAMBIAMENTO DI RENAInnovatori e organizzazioni impegnate a cambiare il Paese
si danno appuntamento a Milano per raccontare
l'Italia che sta già realizzando il futuro
BASE Milano | Dal 7 al 9 ottobre
Approda a Milano il Festival delle Comunità del Cambiamento, l'evento promosso da RENA per mettere in
rete le realtà italiane più innovative: organizzazioni, pubbliche amministrazioni, imprese e associazioni
interessate a rigenerare il tessuto civico, sociale ed economico del Paese. Questa terza edizione è organizzata
in collaborazione con BASE Milano, che ospiterà l’evento in programma dal 7 al 9 ottobre, con il contributo di
Fondazione Cariplo e Synergie Italia, il patrocinio del Comune di Milano ed è parte del programma di Design
City Milano.
Esiste un pezzo d' Italia che sta già realizzando il futuro. Un Festival per raccontarlo e aumentare la forza
delle azioni che mette in campo. Nel corso di questi anni, abbiamo raccontato un’Italia ricca di esperienze
interessanti e generative di valore, di piccoli e grandi laboratori di ricerca e sviluppo di una società in costante
e rapida evoluzione. Se queste esperienze ambiscono a non essere nicchie marginali, devono imporre a se
stessi un ulteriore cambio di passo. Da avanguardie, le pratiche innovative possono e devono diventare attori
di cambiamento del Paese. Da ciò, il claim di questa edizione 2016 “dalle pratiche alle politiche”.
Ad affrontare questa sfida pensatori, progettisti, ricercatori e imprenditori per un totale di oltre 100 speaker
coinvolti. Fra i presenti: Ilda Curti - coordinatrice rete città interculturali del Consiglio d’Europa e presidente
Associazione IUR Innovazione Urbana e Rigenerazione, Annalisa Monfreda - Direttrice Donna Moderna, Fabio
Zaffagnini - ideatore di Rockin’1000, Tommaso Vitale - autore di “Associazionismo. Partecipazione e politica.
Le reti associative e la democrazia attiva da Tangentopoli a oggi”, Marco Annoni della Fondazione Veronesi.
3 giorni di eventi in 4 sale, 9 pitch dedicati al futuro, 7 tavoli di lavoro sulle sfide Paese, 10 workshop
tematici, 2 call per costruire in maniera “partecipata” il programma. Per l’intera durata del Festival sarà
attivo un servizio di babysitting grazie alla collaborazione di Piano C, per i più piccoli sabato pomeriggio è in
programma anche una design jam for children.
PROGRAMMA
>> Venerdì 7 | Stati generali dell’imprenditoria innovativa: un momento di confronto, organizzato in
collaborazione con Linkiesta e Italia Startup, dedicato alle imprese italiane “a prova di futuro“, che sanno
innovare restando orientate alla società e alle comunità di cui fanno parte. Le imprese sono state selezionate
tramite una call online. Interverranno, tra gli altri: Stefano Micelli – Università Ca’ Foscari di Venezia ed
esperto di manifattura e cultura digitale, Paolo Venturi – Direttore di Aiccon, Francesco Cancellato – Direttore
de Linkiesta, rappresentanti delle associazioni giovanili di categoria Coldiretti, Confcooperative, Confindustria,
CNA.
>> Sabato 8 | Vedi alla voce “cambiamento”, Tavoli di lavoro sulle sfide Paese: la giornata si aprirà con
alcuni pitch di attivisti, professionisti e ricercatori per definire assieme il significato della parola
“cambiamento” e le sfide che l’Italia dovrà affrontare nel corso dei prossimi anni. Queste ultime saranno
oggetto di confronto nei 7 tavoli di lavoro in programma nel pomeriggio (Formazione, decisione e
cambiamento; Città, innovazione e periferie; Il futuro del lavoro; Innovazione culturale; Europa; Migrazioni;
La nuova cittadinanza). A seguire spazio all’ironia con l’intervento dei social media manager che gestiscono
l’account di Renzo Mattei e lo show di Lercio, per poi trasferirsi al Mercato Lorenteggio per chiudere con il
party “Troppo Bello” promosso da Dynamoscopio e I Distratti.
>> Domenica 9 | Spazio alle comunità: come nelle due edizioni precedenti, il Festival 2016 si propone come
piattaforma per facilitare momenti di confronto di frontiera a disposizione delle comunità. Attraverso una call
sono state selezionate 10 proposte di workshop promosse da altrettante comunità (Community Hub,
Innovazione nella governance urbana e processi partecipativi; Terremoto Centro Italia; Nuove famiglie.
Welfare e pratiche dal basso; Tecnologie civiche; Sharing economy; Ripensare la politica, la comunicazione,
l'imprenditoria nell'era della sfiducia globale; Manifattura è democrazia è autonomia; Openness e cura;
Accelerare modelli di business ad elevata capacità occupazionale).
Il Festival, come tutte le attività di RENA è un evento di natura non profit organizzato grazie al contributo
volontario dei soci dell’associazione e di numerosi partner. Per partecipare è previsto un biglietto di 5 euro
valido per l’ingresso di tutti e 3 i giorni del Festival acquistabile tramite eventbrite, al link indicato sul sito di
RENA: http://bit.ly/2cQgitm.
Milano, 5 ottobre 2016
INFORMAZIONI
Sito: www.progetto-rena.it/festival-2016 | Facebook: Progetto RENA| Twitter: @ProgettoRENA
Info e ufficio stampa: Roberta Franceschinelli | r.franceschinelli@progetto-rena.it| + 39 339 2660670
RENA è un'associazione indipendente di cittadini e organizzazioni che vogliono un Paese a regola d’ARTE: aperto a sperimentare politiche innovative,
responsabile nei confronti del territorio, trasparente nei processi decisionali, equilibrato per colmare le disparità. Facciamo progetti concreti e mettiamo
in rete cittadini attivi e le organizzazioni che sanno interpretare in chiave innovativa le sfide occupazionali, formative, territoriali nei loro contesti di
riferimento. Dall’anno della sua fondazione (2007), RENA è cresciuta fino a contare circa 150 soci di qualsiasi età e provenienza sociale, educativa e
professionale, che insieme ambiscono a costruire la rete dell’intelligenza collettiva al servizio dell’Italia.
Fondazione Cariplo fa filantropia con la passione per l’arte, la cultura, la ricerca scientifica, il sociale e l'ambiente. Oggi è concentrata sul sostegno ai
giovani, al welfare di comunità e al benessere delle persone, realizzando progetti insieme alle organizzazioni non profit. Dal '91 ad oggi la Fondazione ha
sostenuto oltre 30 mila iniziative donando 2,8 miliardi di euro. Nel 2016 la Fondazione compie 25 anni. Festeggia insieme a noi.
BASE Milano è il progetto per la cultura e la creatività che ha visto rinascere e restituire alla città gli storici spazi dell’ex Ansaldo come luogo di
produzione culturale, sperimentazione e condivisone. Un esperimento d’innovazione e contaminazione culturale tra Arte, Creatività, Impresa, Tecnologia
e Welfare, che si traduce oggi in uno spazio coworking, un bar e una lounge sempre aperti, casaBASE, la nuova foresteria-residenza, gli spazi per mostre
ed eventi temporanei, un auditorium e una zona organizzata come una kunsthalle con laboratori, workshop, un’area falegnameria.


Commenti