RAI 5: DODICI ORE A PASSO DI DANZA E in serata “Il Giardino degli amanti” con Roberto Bolle 09/04/2016 - 11:40

Sulle punte o a piedi nudi, sulla musica di Mozart o su quella di
teatro amanti Bolle
Vasco Rossi, “disegnata” da Roberto Bolle o da una storica danzatrice del Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch come Cristiana Morganti. Sempre e comunque danza. Un linguaggio che Rai Cultura celebra in una giornata speciale, sabato 9 aprile a partire dalle 11.40 e fino a mezzanotte e oltre su Rai5. Spettacoli, balletti, documentari, e un evento speciale, in diretta alle 19.40: la prima assoluta della nuova produzione del  Teatro alla Scala “Il giardino degli amanti” con musiche di Wolfgang Amadeus Mozart e con l’étoile Roberto Bolle. La serata è presentata da Serena Scorzoni e Francesco Antonioni.
La lunga maratona comincia, in mattinata, con “Don Q”, balletto prodotto da Aterballetto con la coreografia di Eugenio Scigliano, che fa incontrare l’antieroe di Cervantes e la contemporaneità, tra musica classica spagnola e sperimentazioni sonore del finlandese Kimmo Pohjonen. Alle 12.50, il documentario “RomaEuropaFestival” che ripercorre i momenti più importanti del festival nato nel 1986 per il volere della Fondazione degli amici di Villa Medici e che è diventato un punto di riferimento fondamentale per la ricerca artistica internazionale nel campo del teatro, della danza, della musica.
Alle 13.50 è la volta di “Jessica and me”, spettacolo di danza in cui Cristiana Morganti, storica danzatrice del Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch, riflette su se stessa, sul rapporto con il proprio corpo e con la danza, sul significato dello stare in scena.
Ancora un documentario alle 15.05: “Corpi Ritmi Danze”, una retrospettiva sull'evoluzione della danza contemporanea accompagnata dalle testimonianze di chi l'ha vissuta nei trent’anni del festival “Oriente, Occidente” di Rovereto.
Alle 15.40 arriva Vasco, o meglio “Vasco alla Scala – L’altra metà del cielo”: un balletto in quattro atti con 13 dei brani più belli di sempre scritti da Vasco Rossi e ri-arrangiati dal maestro Celso.
Alle 17.00 (e alle 18.35) è la volta della rubrica culturale “Gap – Danza per tutti” con un viaggio nella danza dagli anni ’80 ad oggi, mentre si torna sul palcoscenico alle 18.00 con “Capricci”, in prima visione: Michele Abbondanza e Antonella Bertoni danno vita a un teatro di balli, contatti, esperimenti fisici.
Alle 19.40 la diretta di “Il Giardino degli amanti” dalla Scala, seguito – al termine - da “Divina Commedia – Ballo 1265”: un viaggio - firmato dal direttore della Biennale di Venezia per la Danza, Virgilio Sieni - nelle tre cantiche dantesche, attraverso una partitura coreografica nello storico Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze. Chiudono la giornata dedicata alla danza due lavori presentati al Festival Oriente Occidente di Rovereto: alle 23.00, “A loan” spettacolo firmato dalla giovane coreografa emergente Irene Russolillo, e alle 23.30 la prima tv del documentario “Post Produzione” in cui il coreografo Andrea Gallo indaga, attraverso il movimento, sui temi del conflitto e della memoria.


http://www.ufficiostampa.rai.it 

Commenti