PromPerú: Barranco, l’anima bohémienne di Lima

Barranco, l’anima bohémienne di Lima

Lo si potrebbe definire un laboratorio artistico e culturale a cielo aperto:
benvenuti a Barranco, il centro glamour e palpitante di Lima,
che di giorno mostra il suo fascino coloniale e bohémien
e di notte si trasforma in un vortice di persone, musica e folclore!
Percorriamo insieme le sue strade alla scoperta dei tesori che vi dimorano.


Ad un primo sguardo fugace Lima, vasta metropoli sorta nel deserto, abbarbicata sulle scogliere che si affacciano sull’Oceano Pacifico, avvolta spesso da una nebbiolina che rende il suo cielo grigio, potrebbe non rivelarsi in tutta la sua bellezza. Ma vale la pena addentrarsi tra le vie dei suoi quartieri per scoprire splendidi templi precolombiani, vestigia di palazzi coloniali dai sontuosi balconi in stile moresco e strutture moderniste, anima di una megalopoli in costante e rapido cambiamento.
Oltre agli esclusivi quartieri di Miraflores e San Isidro, spingetevi con una bella passeggiata fino a Barranco (in spagnolo “burrone”), sicuramente il più romantico e bohémienne dei quartieri di Lima, con magnifiche terrazze sull’Oceano. È anche il più piccolo e, a differenza della silhouette sempre più verticale di Miraflores, ha mantenuto l’architettura bassa e tipica di inizio secolo, quando era la località balneare prediletta dell’aristocrazia cittadina. Oggi quelle splendide ville dalle linee coloniali sono la dimora di artisti, designer e musicisti e il quartiere è un susseguirsi di piccoli caffè e gallerie d’arte.
Noi vi suggeriamo alcune tappe imperdibili durante la vostra visita, che non potrà che cominciare dall’antico Puente de los suspiros, in legno, da cui potrete ammirare lo spettacolo delle romantiche casette aggrappate alla falesia: una leggenda narra che nell’attraversarlo dovete trattenere il respiro per veder realizzati i vostri desideri!

Visitando musei e gallerie d’arte
Nel quartiere limeño che per eccellenza vanta incantevoli musei e gallerie d’arte, non può certo mancare una visita al Museo Pedro de Osma, situato in una splendida dimora in stile francese, che accoglie una collezione di oggetti d’arte, argenteria e mobili d’epoca dal valore inestimabile, alcuni datati intorno al Cinquecento. Altra tappa immancabile è l’Asociación Mario Testino, meglio conosciuta come MATE, luogo sacro per gli amanti della fotografia, dove il più celebre fotografo peruviano e del mondo condivide con i visitatori le sue creazioni. Non da meno la Galería Lucía de la Puente, sontuosa casona di due piani sede della più prestigiosa galleria d’arte contemporanea di Lima e la galleria Wu, frutto dei lavori di artisti peruviani specializzati in disegno, pittura, scultura e fotografia che cercano nuovi talenti da introdurre nel circuito dell’arte contemporanea.


Le meraviglie dell’artigianato
Tra le vie colorate di graffiti di Barranco si trovano anche numerosi talleres artesanales dove potrete apprezzare capolavori di artigianato autentico, come Las Pallas, che custodisce una preziosa collezione di tessuti, maschere, ceramiche e retablos, i tradizionali altari portatili realizzati con legno, pasta di patate e gesso oppure Dédalo arte y artesanía, una vera caverna delle meraviglie dove si può toccare con mano l’alta qualità dell’artigianato e acquistare capolavori di pregiata manifattura irreperibili altrove, dai vestiti ai gioielli, dall’oggettistica a quadri e mobili.

La movida notturna, dalla cena ai locali di intrattenimento
Conclusi gli acquisti, la serata potrebbe cominciare con un aperitivo a base di pisco sour all’Ayahuasca, ristorante e café aperto all’interno di un’autentica casona barranquina di fine ’800 con una scenografica scala in legno o nel più modaiolo Sibaris, nel cuore pulsante del quartiere, spazio eclettico in stile vintage con oggetti moderni e minimalisti o ancora nei moderni Barra 55 e La Fara. La serata prosegue con una cena presso il ristorante Amor Amar, situato nel cortile di una villa del secolo scorso dove vengono allestite mostre, moderno e minimalista, dove viene servita l’ottima cucina di Victor Chong, oppure alla steakhouse La Cuadra de Salvador che sorge nell’antica Casona Montero Bernales e propone una cucina di altissima qualità, o ancora vicino al Puente de los suspiros trovate Isolina Taberna Peruana per gustare i sapori della tradizione. E per concludere, perché non optare per un locale con musica dal vivo, come La Noche, dislocato su tre piani dove poter ascoltare una scelta musicale che spazia dal rock al punk fino alla musica latinoamericana o il Sargento Pimienta, simile a un immenso capannone agricolo, che ospita differenti serate a tema. Se invece vi interessa di più uno spettacolo di musica e balli folcloristici peruviani dovrete recarvi in una delle peñas dislocate nella capitale e nel quartiere di Barranco sorge la Peña Donporfirio.

Dove dormire
Per un soggiorno all’insegna del lusso, l’Hotel B, dotato di diciassette camere, è un piccolo Relais & Chateaux dove soggiornare a contatto con l’arte (grazie alle opere della collezione privata esposta) e con un’eleganza estrema; sistemazione d’eccellenza per il viaggiatore che ama la cura di ogni dettaglio e l’essere contemporaneamente circondato da un’atmosfera culturale unica, in una zona esclusiva della città.


PROMPERÚ è l'agenzia per la promozione delle esportazioni, il turismo e l’immagine del Perù,
coordinata a MINCETUR. Il Ministero è l’ente pubblico responsabile della definizione, direzione, attuazione, coordinamento e monitoraggio della politica del commercio estero e del turismo; oltre che responsabile per l’integrazione e le contrattazioni commerciali internazionali.

Per maggiori informazioni sul Perù visita:
Web: http://www.peru.travel/it - Facebook: https://www.facebook.com/visitperu
Twitter: http://www.twitter.com/visitperu - Youtube: http://www.youtube.com/visitperu

Commenti