Merano Outdoor: consigli per attività, in inverno, nei dintorni di Merano

Vigiljoch_Alex_Filz
Südtirol / Alto AdigeIl dolce inverno di Merano
Proposte slow per apprezzare la città e i suoi dintorni nella
stagione invernale.
Merano, 17 dicembre 2015 – Merano e i suoi
dintorni rappresentano un territorio talmente vario e
vasto, che in ogni stagione merita di essere visitato. In
inverno poi, oltre a dedicarsi agli sport e alle attività
legati prettamente alla neve e alla montagna, è possibile
anche scegliere itinerari e modalità più slow, più
rilassanti, per apprezzare l’incredibile offerta di questa
zona.
Le camminate nella neve, ad esempio, rappresentano
un diversivo molto interessante per chi desidera
ammirare il paesaggio e la natura circostanti senza fretta
o senza cercare la prestazione sciistica o intensamente
sportiva. Il Monte San Vigilio, la Val d’Ultimo e il
comprensorio sciistico di Merano 2000 garantiscono
una grande varietà di escursioni sulla neve. Per una
coppia in cerca di intimità e romanticismo, il nostro
consiglio è di scegliere come meta la chiesetta del
Monte San Vigilio, raggiungibile solo attraverso la
funivia da Lana. È una passeggiata facile con vista
meravigliosa nella natura ancora incontaminata, ideale
per vivere la tranquillità dell'inverno.
Un’altra attività che mette in contatto diretto con la
natura, raggiungendo anche le sue zone più selvagge, è
la camminata con le ciaspole. Grazie a questo
strumento pratico e di facile utilizzo da applicare sulle
scarpe, le racchette da neve, comunemente dette
“ciaspole”, consentono di spostarsi sulla neve fresca
senza affondare e di percorrere anche lunghi tragitti
senza fatica.
Il nostro consiglio è di andare in esplorazione della Val
d’Ultimo, la valle dei dintorni di Merano rimasta più
integra, dove tanti sono gli itinerari da seguire con le
ciaspole. Molto bello è quello che dalla malga
Schwemmalm arriva fino alla malga Steinrast, offrendo
un panorama splendido sul Monte Hohen Dieb e il
monte Peilstein e due malghe autentiche dove gustare la
cucina altoatesina.
Divertimento puro e poca fatica attendono chi sceglie lo slittino.
In Alto Adige lo slittino ha una grande tradizione e Merano, in
ognuno dei cinque comprensori sciistici del suo territorio, ha
organizzato piste apposite, raggiungibili con funivie o seggiovie.
Da soli, in coppia o in gruppo, lo slittino offre divertimento
assicurato. Il nostro consiglio è di provare sia la pista di
Merano 2000, lunga quasi 3 km, che tutti i venerdì sera
è illuminata e aperta fino alle ore 22 sia l’emozione che
regala l’Alpin Bob, un bob su rotaia, che compie
evoluzioni mozzafiato.
Lo sci di fondo è un’altra attività tra quelle che
consentono di immergersi nella natura e di ammirare le
bellezze più nascoste e segrete della zona. Presuppone
però una certa preparazione fisica o comunque una
buona coordinazione. Ciò detto, esistono meravigliose
piste di fondo in Val Passiria, in Val Senales, in Val
d’Ultimo. Una tra le più belle è proprio in Val Passiria,
con un panorama spettacolare: la pista di fondo nella
Valle di Lazins.
Agli irriducibili dello sci che apprezzano il fascino
dell’inverno in montagna, Merano e i suoi dintorni
offrono molteplici possibilità di trovare la loro
soddisfazione. Escursioni, tour, percorsi accompagnati
da guide esperte in Val Senales, Val Passiria e in Val
d’Ultimo.
Il nostro consiglio per i più esperti è di provare il tour
fino alla Punta Saldura , accompagnati da una guida
alpina, esperta della zona e delle condizioni della neve.
Merano e dintorni
Guardando dall’alto l’area di Merano e dei suoi dintorni si ha l’impressione di osservare una
stella, nel cui centro risiede la città di Merano e i cui raggi sono rappresentati dalla Val
Venosta, dalla Val Passiria e dalla Val d’Adige. Lungo queste valli si sviluppano meravigliosi
borghi e comuni che negli anni hanno fatto del turismo la propria risorsa naturale,
approfittando delle particolarità della zona: qui, infatti, la vita di città incontra quella rurale di
paese, la flora mediterranea si riunisce con quella alpina e gli stili architettonici si mischiano –
un cocktail di contrasti che arricchisce l’offerta turistica dodici mesi l’anno. Oltre 6000 posti
letto disponibili su tutta l’area completano il panorama di questa regione, in grado di
soddisfare ogni interesse, garantendo servizi e strutture varie e differenti ma il cui comune
denominatore è l’alta qualità e la cura dei particolari in ogni proposta.
Riferimenti per pubblicazioni: 0473 20.04.43 – www.meranodintorni.com

Commenti