HARD ROCK CAFE VENEZIA - FRIDAY NIGHT LIVE 2.0, Venerdì 22 Gennaio, dalle ore 21:30, "ROCK IN JAZZ" BY IL SUONO IMPROVVISO



HARD ROCK CAFE VENEZIA DA’ IL VIA AL FRIDAY NIGHT LIVE VERSIONE 2.0
 
 Credits Angela Bartolo
RITORNA L’APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON LA MUSICA DI QUALITA’ RIGOROSAMENTE LIVE&FREE CON TANTE NOVITA’: SERATE A TEMA, DJ SET E SPECIAL EVENTS
La serata tutta "Rock in Jazz" targata Il Suono Improvviso
Venerdì 22 Gennaio, dalle ore 21:30
Il 2016 è appena iniziato e l’Hard Rock Cafe di Venezia lo celebra alla grande con il ritorno del Friday Night Live, l’ormai tradizionale appuntamento settimanale con la musica live&free quest’anno in versione 2.0. Dopo aver ospitato oltre 70 concerti di cui 30 di artisti del panorama veneziano, il Friday Night Live giunge alla quarta edizione con un “groove” completamente rinnovato, sintesi perfetta di elementi consolidati e nuove pulsazioni e energie. Tutti i venerdì, da Gennaio fino a Maggio, periodo di Carnevale compreso durante il quale andrà in scena una Special Edition, il Cafe di Bacino Orseolo propone sempre e solo musica di qualità; sul palco i talenti emergenti ma anche degli artisti più noti al grande pubblico, le band locali, grandi protagoniste delle scorse edizioni, ma anche nomi internazionali. In programma anche serate a tema e dj set. Gli eventi saranno sempre più dinamici e integrati con il mondo digital. I fan potranno interagire con gli artisti e con il Cafe on line, attraverso i social media ma anche off line, direttamente al locale, attraverso iniziative che coinvolgeranno il pubblico della rassegna musicale. I Friday Night Live si potranno seguire e commentare, infatti, anche in diretta usando l’hashtag #FridayNightLive.
Venerdì 22 Gennaio, dalle ore 21:30, il Friday Night Live sarà targato Il Suono Improvviso. Continua la collaborazione con la scuola di musica veneziana che per l’occasione presenterà, on stage, una delle sue band più promettenti "Rock in Jazz". Giannantonio De Vincenzo, sax soprano e direttore artistico della scuola “Il Suono Improvviso”, insieme a Edu Hebling al basso e contrabbasso, Paolo Vianello alle tastiere e Luca Colussi alla batteria regaleranno ai fan una speciale performance in cui i classici del rock verranno magistralmente riproposti e reinterpretati in chiave jazz.
BIO

“ROCK in JAZZ” BY IL SUONO IMPROVVISO

La speciale formazione raccoglie Giannantonio De Vincenzo, sax soprano, ideatore e direttore artistico della scuola di musica “Il suono Improvviso”, Edu Heblin al basso e contrabbasso, Paolo Vianello alle tastiere e Luca Colussi alla batteria.

Giannantonio De Vincenzo con il suo sax frequenta importanti palcoscenici in Italia e all’estero. Dal 1999 organizza la manifestazione “Venezia Suona” che trasforma per un giorno l’intera città in un palcoscenico nel quale gruppi e musicisti, anche internazionali e di diverse estrazioni, si esibiscono nei campi e campielli dal pomeriggio fino a notte, creando un meltingpot musicale unico nel suo genere. L’esperienza ultra trentennale nel mondo della musica, lo ha visto collaborare a musicisti del calibro di Paolo Birro, Franco Cerri, Sylvie Courvoisier, Franco D’Andrea, Riccardo Del Frà, Roberto Gatto, Sandro Gibellini, Piero Leveratto, Enrico Intra, Lee Konitz, Tony Overwater e Pietro Tonolo.

Edu Hebling è un musicista brasiliano di formazione classica. Suona il basso elettrico, il contrabbasso, compone e arrangia. Ha collaborato con nomi importanti della musica italiana, come Ornella Vanoni, Barbara Casini, Sergio Caputo e Rosália de Souza, James Brown, Gino Paoli, Massimo Bubola, Claudio Roditi, Ed Cortes, Marco Tamburini, Pietro Tonolo, John Riley, Mauro Beggio, Paolo Birro, Giulio Capiozzo, Sandro Gibellini, Patrizia Laquidara, Stragà, Marian Trapassi, oltre ad aver suonato in programmi come Buona Domenica, La Sai L'ultima, Festivalbar, Roxy Bar, Che tempo che fa.

Paolo Vianello è un artista eclettico pianista e tastierista, compositore e arrangiatore. La sua attività artistica abbraccia ambiti musicali differenti dal jazz, dalla musica pop al gospel, dal funky alla latino americana. Ha calcato molti palcoscenici italiani e europei, fino in Medioriente (Giordania) e ha suonato fra gli altri con Pietro Tonolo, Marco Castelli, Lee Konitz, Mark Abrams, Francesco Bearzati, Fabrizio Bosso, Mauro Beggio, Luca Pitteri, Cheryl Porter, Danny Gottlieb, Jeff Berlin, Federico Stragà. Dal 1996 collabora stabilmente con Riky Gianco con cui ha avuto modo di esibirsi insieme a artisti come Gino Paoli, Eugenio Finardi. Ha partecipato inoltre a vari Festival jazz in Italia e all’estero: Bergamo Jazz, Iseo Jazz, Festival Jazz Di Gratz ecc.

Luca Colussi è un batterista e collabora con molti musicisti noti della scena jazzistica europea ed italiana: David Occhipinti, David Liebman, Robert Bonisolo, Yuri Goloubev, Antonio Onorato, Marco Tamburini, Flavio Boltro, , Francesco Bearzatti, Luigi Bonafede, Fabrizio Bosso, Pietro Tonolo, Nicola Fazzini, Paolo Ghetti, Stefano Senni, Bruno Erminero. Si è esibito in molte rassegne italiane e straniere ed Intensa è anche l'attività con le Orchestre Jazz, tra le quali la Big Band del F.V.G. (dir. G.Venier) e l’Orchestra Canzoni di Confine (dir. Valter Sivilotti) con la quale accompagna: Tosca, Bruno Lauzi e Sergio Endrigo. Dal 2002 suona stabilmente nella “Niente Band” grazie alla quale ha collaborato, tra gli altri, con Vinicio Capossela e Paolo Rossi. Ha partecipato a progetti di commento musicale di film muti quali: Ben Hur, Gli ultimi giorni di Pompei, Kinopravda, The life and death of 9413, L'age d'or, Fievre, Il gabinetto del dottor Caligari, L'altra America di J.H.

#FridayNightLive

Media partner @Radiocafoscari
Per seguire in diretta gli eventi di #FridayNightLive:

www.facebook.com/hrcvenezia
Twitter: @hrcvenice #FridayNightLive
Instagram: @hardrockcafevenice #FridayNightLive

Commenti