ACCADEMIA DI SANTA CECILIA: PLETNEV, SHAHAM, PAPPANO


                                    Stagione Sinfonica 2015-2016

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia

Sabato 16 gennaio ore 18 - lunedì 18 ore 20,30 - martedì 19 ore 19,30


Born in the U.S.A.

E in prima esecuzione italiana Harmonielehre di John Adams


Dopo la “maratona Beethoven”, che ha aperto la stagione di concerti a Santa Cecilia, Antonio Pappano torna con un programma sinfonico completamente dedicato alla musica sinfonica americana. Sabato 16 gennaio (Sala Santa Cecilia ore 18 repliche lunedì 18 ore 20.30 e martedì 19 ore 19.30), il Direttore anglo-italiano salirà sul podio dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per aprire il concerto con le vivaci atmosfere dei "Three Dance Episodes", tratti da On the Town, uno dei musical più fortunati di Leonard Bernstein. A seguire il Concerto per violino di Samuel Barber, pagina di rara esecuzione e opera intensa e musicalmente felice, con un solista d’eccezione che ritorna a Santa Cecilia:  Gil Shaham.

Il rapporto di Barber con la città di Roma e con Santa Cecilia è stato particolarmente stretto, perché il 13 dicembre del 1936, il compositore americano affidò il debutto della sua Prima Sinfonia op. 9 all’Orchestra di Santa Cecilia, allora chiamata Orchestra dell’Augusteo diretta in quell’occasione da Bernardino Molinari.


Il Concerto per violino fu descritto dallo stesso Barber come un lungo viaggio e nel programma di sala distribuito durante la sua prima esecuzione mondiale, nel 1939, afferma: «Il primo movimento inizia con un primo soggetto lirico affidato al solo violino, senza introduzione orchestrale, e ha un carattere più da sonata che da concerto. La seconda parte è introdotta da un lungo assolo dell' oboe, su cui il violino fa il suo ingresso con un tema rapsodico, contrastante con la melodia dell' oboe. L'ultimo movimento, un perpetuum mobile, esalta il carattere brillante e virtuosistico del violino».


In chiusura Harmonielehre di John Adams, scritto nel 1985, un ampio lavoro per orchestra in tre movimenti che vuole coniugare le tecniche di sviluppo tipiche del Minimalismo (di cui Adams è uno dei massimi esponenti) con l'ambito espressivo e armonico della musica tardo romantica. In realtà al suo interno si possono scoprire altre importanti implicazioni ma di certo, questa musica, così mobile, coinvolgente, moderna, senza essere per forza difficile all'ascolto, non manca di trascinare e appassionare. Prima esecuzione in Italia.


Gil Shaham è uno dei violinisti più importanti del nostro tempo; la sua tecnica impeccabile combinata a un calore inimitabile e a una grande generosità d’animo lo hanno fatto diventare uno tra gli artisti più amati. Tra i premi prestigiosi che ha ricevuto il Grammy Award, e il Musical America lo ha eletto di recente "strumentista dell'anno".

Si è esibito nelle più rinomate sale del mondo con illustri orchestre e quest’anno è stato ospite della Berlin Philharmonic diretta da Zubin Mehta. Ha inoltre reinterpretato il concerto di John Williams diretto da Stéphane Denève e la Boston Symphony, con cui l’aveva registrato proprio sotto la direzione dell’autore. Sempre di recente si è esibito con la Los Angeles Philharmonic diretta da Gustavo Dudamel, con l'Orchestre de Paris e altre.

Shaham continua il suo viaggio all’interno dei "Concerti per violino del 1930" che quest’anno viene riproposto per l’ottava stagione di seguito con l’esecuzione di Bartók con la Chicago Symphony e la Philadelphia Orchestra alla Carnegie Hall, di Barber con l'Orchestre National de Lyon e l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Oltre a lunghe tournée nelle capitali di tutto il mondo,  Shaham è ospite residente presso la University of North Carolina a Chapel Hill, e inoltre propone un programma delle Sonate e Partite di Bach in una esecuzione “multimediale” realizzata in collaborazione con il fotografo e video artista David Michalek.

Sempre per il grande progetto  Concerti per violino degli anni 30, iniziato nel 2010 Gil Shaham  è stato raffinatissimo interprete de I Concerti di Barber, Berg, Stravinskij e Britten, il Concerto n. 2 di Bartok e  il Concerto n. 2 di Prokofiev  che ha eseguito con le Orchestre di Baltimora, Boston, New York, Chicago, Montreal, San Francisco, Kansas City e  ancora a Parigi e Tokyo. Accanto  al progetto I Concerti per violino degli anni 30  Shaham  ha continuato a suonare  Brahms, Beethoven e Mozart con  importanti orchestre e celebri direttori. Fra i Festival che lo hanno ospitato Caramoor, Aspen, Blossom, Tanglewood e Hollywood Bowl. Nei suoi numerosi recital e concerti cameristici Shaham continua l’esplorazione di brani di musica contemporanea composti per lui da William Bolcom, Avner Dorman e Julian Milone.  Shaham ha suonato  con le maggiori orchestre americane, in Giappone con Mariss Jansons, ad Amsterdam al Concertgebouw, Zurigo alla Tonhalle ed è stato artista residente con le Orchestre di Parigi e Berlino. Più di due dozzine di dischi testimoniano l’impegno di Shaham, dischi che hanno ricevuto tutti i più importanti premi internazionali, dal Grammy al Diapason d’or, dal Grand Prix du Disque al Gramphone Editor’s Choice. Nel 2004 ha fondato la propria casa discografica CANARY CLASSICS, con la quale ha inciso numerosi Concerti  e brani di musica da camera, questi ultimi con Adele Anthony, Akira Eguchi, ma anche con Yefim Bronfman e Truls Mork.Shaham tornerà in studio di incisione con la sorella Orli per un disco dedicato alle Melodie ebree.

Nato nel 1971,  presto si è trasferito in Israele con la sua famiglia;  a 7 anni ha iniziato gli  studi con Samuel Bernstein dell’Accademia Rubin, ricevendo una  scolarship della Fondazione Culturale Usa-Israele. Nel 1981, mentre studia  con Haim Taub a Gerusalemme, debutta con la Jerusalem  Symphony e la Israel Philharmonic. Nello stesso anno si trasferisce ad Aspen per studiare con Dorothy DeLay e Jens Ellerman. Nell’82 passa alla Julliard sempre con la DeLay e Hyo Kang. Ha anche frequentato la Columbia University.

Nel 1990 ha ricevuto lo Avery Fisher Career Grant  e nel 2008 l’Avery Fisher Award. Suona lo Stradivari Countess Polignac del 1899. Vive a New York con la moglie Adele d i loro due bambini.


Stagione Sinfonica 2015-2016

Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia

Sabato 28 novembre ore 18 - lunedì 30 ore 20,30 - martedì 1 dicembre ore 19,30


Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Antonio Pappano direttore

Gil Shaham violino


Bernstein        On the Town: Three Dance Episodes

Barber                        Concerto per violino e orchestra

Adams            Harmonielehre


Biglietti da 19 a 52 Euro


Botteghino Auditorium Parco della Musica

Viale Pietro De Coubertin - Infoline: tel. 068082058

Commenti