Un tour virtuale di Gerusalemme con Google Cardboard

App_google
Un tour virtuale di Gerusalemme con Google CardboardL’iconico panorama di Gerusalemme è stato selezionato, insieme ad altre quattro città, per l’edizione di Google Cardboard del New York Times.
Milano, XXI dicembre 2015 – La Google Cardboard è una scatolina di cartone che ha debuttato lo scorso anno in occasione della conferenza annuale riservata ai giganti di internet. Google ha recentemente affermato che il suo visore di realtà virtuale fatto di cartone ha avuto un successo strepitoso, specialmente dopo la distribuzione in partnership con il New York Times che ha portato i virtual reality viewer a quota oltre 1,1 milioni di utilizzatori.
Pochi mesi fa Google, con il suo dispositivo virtuale, ha offerto un’alternativa low cost all’Oculus Rift, nuovo trend nel settore tecnologico. Gli utenti devono semplicemente sistemare il dispositivo sugli occhialini che dispongono di appositi fori disegnati per accogliere gli smartphone, che svolgono la funzione di display sui quali vengono proiettati i video. L’app della Cardboard per Android e iPhone comprende un tutorial su come metterlo in funzione, selezionare le app che sono state create, sfruttare la capacità degli smartphone di fornire a chi usa il dispositivo di percepire un senso di presenza reale nell’ambiente virtuale che si osserva, semplicemente girando la testa. Delle specifiche app che interessano Google Cardboard, gli utenti posso esplorare città selezionate nel mondo, compresa Gerusalemme (le altre città sono Monaco, Parigi e Tokyo).
Adesso, con la nuova Cardboard di Google, qualsiasi utente in possesso di uno smartphone potrà ammirare il meraviglioso panorama di Gerusalemme. Perché Gerusalemme è stata selezionata da Google per la sua Cardboard? Gerusalemme è una delle destinazioni inserite nella wish-list di moltissimi viaggiatori. Come la maggior parte delle mete turistiche, ci sono moltissimi luoghi di questa città che si vorrebbero visitare, ma spesso si ha poco tempo a disposizione. Ora, con Google Cardboard, i turisti potranno percorrere virtualmente Gerusalemme prima di arrivare di persona nella città. Mostra virtuale delle maschere pre-bibliche Un’altra app elaborata per l’edizione Google Cardboard del New York Times è dedicata ad una mostra visitabile presso il Museo di Israele, a Gerusalemme, di 11 maschere risalenti al 9° secolo, realizzate durante il periodo Neolitico. L’app sulle mostre permette agli utenti di ammirare esposizioni uniche nel loro genere.
Le antiche maschere di pietra, risalenti a circa 9000 anni fa, sono ora ammirabili su display. La Google Cardboard, con la sua scelta di inserire Gerusalemme nella ristretta lista di città presenti nella app, conferma il ruolo di leader della capitale israeliana nell’industria turistica globale.
Per maggiori informazioni sulla città e le sue proposte, visitare il sito www.itraveljerusalem.com/it
Per assaporare quotidianamente l’effervescenza di Gerusalemme: www.facebook.com/itraveljerusalem.it

Commenti