Il compositore milanese ROBERTO BINETTI è l'autore delle musiche dello spettacolo "Tanti Lati - Latitanti" di ALE e FRANZ, attualmente in tour.



ROBERTO BINETTI
Roberto Binetti

AUTORE DELLE MUSICHE DELLO SPETTACOLO
TANTI LATI – LATITANTI” DI ALE E FRANZ
ATTUALMENTE IN TOUR

Il compositore milanese ROBERTO BINETTI è l’autore di alcune delle musiche che accompagnano il duo comico Ale e Franz sul palco del loro nuovo spettacolare show, “Tanti Lati – Latitanti”, con cui sono attualmente in tour in tutta Italia (i biglietti sono in prevendita sul sito di Ticketone – www.ticketone.it).

Così come accade in ogni film o spettacolo che porta la firma del regista Alberto Ferrari, anche nello show di Ale e Franz la musica ha un ruolo fondamentale: completa, suggerisce e amplifica le emozioni da trasmettere. La musica è infatti la linfa vitale, che irrora tutte le immagini e completa il suono alle parole, contribuendo a rendere lo spettacolo completamente unico.

«Con il regista Alberto Ferrari ci conosciamo da diverso tempo – racconta Roberto Binetti – dopo le prime esperienze musicali insieme, le nostre professioni ci hanno portato un po' distanti, ma c'era sempre il desiderio di ritrovarsi artisticamente.  L'opportunità è avvenuta con il nuovo spettacolo di Ale & Franz, di cui Alberto è regista e autore.  A livello teatrale il fatto di creare musica a stretto contatto con il regista, con gli attori e con il testo ti dà modo di entrare nei dettagli dell’opera e di poter sottolineare con degli interventi musicali appropriati quelle che sono le peculiarità dell’opera, un lavoro molto interessante.  In questo caso la richiesta, partendo da un tema definito, era di creare delle variazioni sul tema con un’atmosfera rarefatta ed intima, una sorta di filo conduttore lungo tutto lo spettacolo, un commento musicale che sarebbe servito anche da sottofondo per le battute degli attori, dunque con una ben definita riconoscibilità ma senza diventare sovrastante.  Dopo aver visualizzato il contesto teatrale, ho composto alcuni temi molto melodici con un loro ritmo narrativo che mi sembrava adatto per lo scopo, e devo dire che, grazie alla bravura di Ale & Franz ed al sapiente utilizzo della musica da parte della regia di Alberto Ferrari, l’effetto finale è veramente coinvolgente».

È disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming il disco d’esordio di piano solo di Roberto Binetti, “UNIVERSO FANTASIA.
Pubblicato da Bollettino Edizioni Musicali e distribuito da Egea Music, “Universo Fantasia” racchiude 10 composizioni inedite per piano solo interamente composte ed eseguite da Roberto Binetti, con la partecipazione di Marco Decimo al violoncello. A questo link è possibile avere un breve assaggio dell’universo musicale di Roberto Binetti: https://youtu.be/kpJkhHrgdjg.
Questa la tracklist dell’album: “Intimate Affresco”, “Universo Fantasia”, “In Front of Winter Sea”, “What a strange place”, “It rains outside”, “Energy for life”, “Sweet Melancholy”, “Gnom”, Friends of Mine”, “The Fleeting Thought”.

Roberto Binetti è un autore, arrangiatore e produttore di musiche originali. Suona dall’età di 6 anni, spinto dall’emozione che ogni genere musicale può offrire: dalla musica classica ai concerti jazz-fusion negli storici locali milanesi (Capolinea, Tangram, Scimmie) con proprie formazioni, dalle registrazioni televisive (Canale 5, quale pianista di Rossana Casale) a concerti in teatri e festival (concerti di Gloria Gaynor a Nizza e a Montecarlo), dalla composizione di musiche per spettacoli teatrali (Teatro San Babila Milano, regia di  Alberto Ferrari) alla partecipazione in trasmissioni televisive RAI e Mediaset, dove ha collaborato con i  Maestri Pippo Caruso e Peppe Vessicchio. Roberto Binetti ha partecipato a progetti discografici e live con diverse formazioni jazz, pop e di musica d’autore italiana. Da diversi anni collabora con il coro Ensemble Vocale Ambrosiano Onlus (diretto da Mauro Penacca) per registrazioni discografiche, concerti e manifestazioni culturali a scopo benefico in Italia e all’estero.




Milano, 22 dicembre 2015

Commenti